AREA DELLO STRETTO. Nasce "Riscatto Sud", Comitato per la lotta alla crisi infrastrutturale

15 Aprile 2015
553 Views
Stampa

ponte sullo stretto
VILLA SAN GIOVANNI – Nell’area dello Stretto nasce il Comitato “Riscatto Sud”. Ieri, a Messina, ne hanno sancito la costituzione “Sì al Ponte e alle Infrastrutture al Sud”, “Rete Civica per le Infrastrutture nel Mezzogiorno”, “Aias – Associazione Imprese Autotrasportatori Siciliani”, “Comitato Ponte Subito”, “Fai – Conftrasporto”, “Confartigianato – Settore Autotrasporti”, “Comitato Libera Messina”, “Associazione L’Altra Messina” e le segreterie provinciali di Cisl e Uil. Tutte realtà favorevoli alla realizzazione del Ponte sullo Stretto e di altre infrastrutture che possano colmare il gap esistente rispetto al nord Italia. «Calabria e Sicilia, in pieno default finanziario – si legge nel manifesto del Comitato “Riscatto Sud” – non offrono più alcuna prospettiva di crescita e sono avviate verso la desertificazione di uomini ed imprese. La disoccupazione giovanile interessa due giovani su tre. Ben 30mila siciliani in prevalenza giovani e giovanissimi, ogni anno, abbandonano questa terra. La crisi è infrastrutturale. La questione meridionale è una “questione infrastrutturale”. L’attraversamento dello Stretto di Messina comporta una perdita di tempo pari a un’ora per il gommato leggero, un’ora e mezzo per i veicoli commerciali e due ore per i convogli ferroviari. Gli autotrasportatori siciliani, per giungere a Villa San Giovanni dalle periferie dell’Isola, erodono la metà dei loro tempi di guida giornalieri consentiti». Prosegue il manifesto: «L’auspicato miglioramento della rete ferroviaria all’interno della Sicilia si è sempre scontrato con l’assenza di un collegamento stabile tra la Sicilia e il Continente, oltre che con la fatiscenza dell’intero tracciato ferroviario passeggeri e merci sotto Salerno e Bari. Il progetto definitivo del Ponte sullo Stretto di Messina, controllato, validato e verificato dalle migliori aziende del pianeta di ponti sospesi, consentirebbe di aprire i cantieri in pochi mesi. 45 mila sono i posti di lavoro diretti, attesi per la realizzazione del Ponte». Il Comitato “Riscatto Sud” chiederà subito un confronto diretto al Governo Nazionale, e intanto si dice pronto a «manifestazioni crescenti di forte impatto territoriale, al fine di sensibilizzare il Governo Nazionale a riconsiderare il Sud parte del paese e non semplice colonia». f.m.

Potrebbe interessarti

Villa, gli attivisti del ‘Nuvola Rossa’ alzano la voce contro la costruzione del Ponte sullo Stretto
Attualità
293 views
Attualità
293 views

Villa, gli attivisti del ‘Nuvola Rossa’ alzano la voce contro la costruzione del Ponte sullo Stretto

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

  Il CSC 'Nuvola Rossa' di Villa San Giovanni  interviene in merito al corrente dibattito sulla costruzione del Ponte sullo…

Coolap: la storia infinita dei lavoratori della psichiatria di Reggio Calabria
Uncategorized
95 views
Uncategorized
95 views

Coolap: la storia infinita dei lavoratori della psichiatria di Reggio Calabria

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

Comunicato stampa Coolap (Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano, Giuseppe Foti):  Nella tarda mattinata del 03 maggio presso la cittadella regionale di…

Parte il corso sulla “Nutraceutica del Food” all’Alberghiero di Villa San Giovanni
gastronomia
403 views
gastronomia
403 views

Parte il corso sulla “Nutraceutica del Food” all’Alberghiero di Villa San Giovanni

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

    Un percorso formativo tra laboratori e lezioni con esperti nell’ambito di AGENDA 2030 Inizia il corso sulla “Nutraceutica…