«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»

8 Aprile 2024
401 Views
Stampa

Nei giorni scorsi, il Circolo PD di Villa – delegazione composta dal Segretario Enzo Musolino e dai Dirigenti Salvatore Ciccone e Domenico Tedesco- ha incontrato a Messina il Commissario Dall’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, Ammiraglio Antonio Ranieri.

L’incontro ha avuto ad oggetto gli “Approdi a Sud” del Porto storico di Villa, la necessità di questa infrastruttura da cui dipende davvero il futuro della Città, la sua liberazione dal traffico pesante e dall’ inquinamento atmosferico.

«L’Ammiraglio Ranieri – che ringraziamo per l’operatività, la competenza e la schiettezza dell’approccio – ha precisato il ruolo che l’AdSPdS ha intenzione di svolgere per Villa: è stata chiesta al Governo l’estensione della competenza territoriale dell’Autorita’ a Sud degli imbarchi della Ferrovia, proprio per giungere alla progettazione e alla realizzazione di attracchi lontani dal centro abitato villese, con l’obiettivo, in prospettiva, di riconsegnare alla Citta’ le invasature attuali in concessione».

Si è discusso anche dell’area ex Lido Cenide, di riqualificazione e di banchine per mezzi veloci.

«In tal modo – spiega Enzo Musolino, segretario dei dem villesi – l’AdSPdS dimostra di avere le idee chiare su Villa, sul suo porto, sullo sviluppo sostenibile che i villesi meritano dopo essere stati “soffocati” e sacrificati per decenni.
Auspichiamo che il Governo provveda presto all’estensione della circoscrizione dell’Autorita’ e che tutti – Istituzioni, Società concessionarie, Ferrovie – comprendano come questo obiettivo sia di vitale importanza per Villa e per tutta l’area dello Stretto».

I Democratici villesi hanno consegnato all’Ammiraglio Ranieri gli elaborati grafici e i documenti riassuntivi di 20 anni di lavoro del Centrosinistra cittadino, ribadendo come l’intera Comunità – attraverso plurimi deliberati di Consiglio Comunale – abbia da tempo sancito la priorità per Villa – IL PORTO A SUD – la Grande Opera concreta, senza controindicazioni, benefica, che davvero potrà risolvere i mali endemici che affliggono il nostro territorio:il transito di mezzi pesanti, i rischi per la sicurezza nel centro cittadino, l’inquinamento, l’incremento delle patologie legate agli scarichi tossici.

Ma il Pd s’interroga: «In attesa di tutto questo, però, si può fare “oggi” qualcosa? Una volta acquisito l’impegno strategico dell’Autorita’ Portuale, come si può incidere oggi – con la questione Ponte che minaccia di divenire realtà – per tutelare la Città. Se davvero dovessero partire i cantieri voluti da Salvini e co. – contro la cui evenienza il Circolo PD villese sta intraprendendo una battaglia seria e documentata – come si riuscirà a contenere un aggravio di inquinamento e di traffico dovuto ai mezzi necessari per l’Opera? Come proteggersi dalle polveri sottili? Come tutelare i cittadini dalla presenza in Città di veicoli aggiuntivi? Come assicurare la necessaria sicurezza in una viabilità stravolta?».

«Questi temi cogenti – incalza il Pd – vanno posti immediatamente al centro del dibattito pubblico, vanno coinvolti tutti i soggetti che rivestono responsabilità e competenze in materia, non c’e’ tempo da perdere!».

Ed ecco la nuova proposta del Partito Democratico: «L’Amministrazione comunale si faccia parte attiva senza indugi, chieda in Prefettura l’attivazione di un tavolo tecnico e “sociale” insieme, uno spazio di condivisione e coinvolgimento nel quale Anas, Ferrovie, Ministeri, Società private, Comune, Autorità Portuale, Capitaneria, Città Metropolitana, Corpi Intermedi, Associazioni ambientaliste, Soggetti qualificati, si trovino insieme con un obiettivo specifico, vitale: approvare un’ intesa vincolante che “alleggerisca” ora, subito – con gli opportuni interventi tecnici e di viabilità – il peso che già oggi schiaccia Villa, condannandola ad un transito urbano insostenibile di veicoli e mezzi aziendali diretti al traghettamento».

«Tale danno ambientale, di salute, di sicurezza, – spiega infatti il Pd – rischia di aumentare in maniera esponenziale con il paventato inizio dei lavori del Ponte che, proprio oggi, ricevono un’accelerazione con la pubblicazione dei terreni e dei fabbricati soggetti ad esproprio.
Come si può preannunciare tutto questo, come si può continuare in questo iter senza chiamare attorno ad un tavolo tutti i Soggetti coinvolti?
Come si può condannare Villa ad altri anni invivibili senza predisporre una rete di protezione, una via d’uscita possibile, soluzioni concrete per mitigare un disastro che sta per abbattersi in un luogo così fortemente antropizzato?
Non c’e’ più tempo!».

«Il Comune – conclude il Pd – chieda l’attivazione di questo tavolo prefettizio, si mettano al centro i rischi attuali, concreti, per la Salute, per la Sicurezza della viabilità e dei trasporti, per la tutela dell’Ambiente, per la garanzia di vivibilità di una Città – la Città sotto al Ponte – che rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa».

Potrebbe interessarti

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario
Attualità
117 views
Attualità
117 views

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

SAN ROBERTO - Il Consiglio Comunale di lunedì scorso, tenutosi a San Roberto, ha approvato il rendiconto di gestione e…

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»
Attualità
256 views
Attualità
256 views

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Dopo la manifestazione del 18 maggio contro il Ponte sullo Stretto arrivano le considerazioni del Comitato…

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti
Attualità
606 views
Attualità
606 views

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti

Francesca Meduri - 19 Maggio 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI - «Calabria e Sicilia unite nella lotta, lo Stretto di Messina non si tocca!».…