Ponte, gli espropriandi non ci stanno e il fronte del “no” suona la sveglia

18 Marzo 2024
707 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – Ansia, paura, rabbia. Questi i sentimenti emersi con forza ieri pomeriggio durante l’assemblea pubblica sul Ponte sullo Stretto organizzata dall’amministrazione Caminiti.

Dopo le spiegazioni della sindaca Caminiti sulle modalità di consultazione della documentazione disponibile sul sito del Comune, la parola è passata al pubblico, in particolare alle persone che si ritroveranno negli elenchi degli espropriati.

«Da casa mia – ha giurato una cittadina – non mi muoverò, nemmeno se dovessero arrivare con i bulldozer! Alla sindaca chiedo di non parlare di espropri, ma di opporsi ai cantieri perché lei ha dei forti presupposti per farlo e cioè le prescrizioni, che hanno un valore vincolante. In tutta questa incertezza, io ho la certezza che da casa mia non mi muovo!».

Insomma, la sfida di una esproprianda a Pietro Ciucci in vista della sua imminente visita a Villa San Giovanni, martedì mattina, per avvisarlo che non rivedrà la sua vita a causa del Ponte. Più o meno sulla stessa linea i successivi interventi, tant’è che a un certo punto è sembrato di assistere a un’assemblea del movimento “No Ponte”.

«Non si dorme la notte per la paura, questa cosa per noi è troppo grande», ha detto un altro espropriando sollecitando una maggiore partecipazione popolare.

Tanta preoccupazione anche dai non espropriandi, per le sorti di un paese che «si ritroverà completamente – prevede Giuseppe Morabito – sotto il cantiere del Ponte».

E ancora le dichiarazioni di Pietro Idone (Wwf) e Angelo Raso (Legambiente), con il primo che ha particolarmente incalzato la sindaca a sposare la proposta del Pd: «Il Ponte è un’opera che farà acqua da tutte le parti, è una truffa, ci sono troppi punti oscuri. L’iter va sospeso, ha ragione Musolino». A queste parole la sindaca ha replicato che, comunque, «l’iter non lo blocca il Comune ma il governo centrale». Angelo Raso, invece, ha spronato la città a reagire: «Non solo a Villa, ma anche a Messina il Ponte causerà un forte impatto. La differenza è che lì sono molto più partecipi. La verità è che stiamo dormendo, e ci sta cascando il mondo addosso. Il non ritorno sarà quando si firmerà il contratto, e lì sarà inutile dire “non me ne andrò di casa”, perché vi cacceranno con i carabinieri».

A sostenere a gran voce il fronte del “No” è stato, poi, Giovanni Cordova di “Nuvola Rossa”: «Comprendo l’atteggiamento istituzionale del sindaco – ha detto Cordova – ma noi dobbiamo far sentire la nostra voce. Tutti noi dobbiamo fare la nostra parte, perché è un’offesa sentire che possiamo avere strade e altro solo se si fa il Ponte! A chi è soggetto a esproprio dico che non siete soli, noi ci saremo! Incontriamoci, per portare avanti una battaglia viva e concreta. Chi pensava di svendere questo territorio per delle marchette elettorali – ha concluso Cordova – deve fare un passo indietro!».

Il fronte del “no”, dunque, sembra deciso a riorganizzarsi per continuare a lottare contro un’opera «inutile e dannosa». Vedremo da quando e come. (fra.me.)

Potrebbe interessarti

Ponte sullo Stretto, a Villa una commissione fantasma: mistero sui nomi degli studiosi scelti dalla sindaca
Attualità
753 views
Attualità
753 views

Ponte sullo Stretto, a Villa una commissione fantasma: mistero sui nomi degli studiosi scelti dalla sindaca

Francesca Meduri - 11 Aprile 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI – Una commissione fantasma sembra essere quella formata dagli esperti studiosi arruolati a supporto…

Servizio idrico a Villa, in mezzo ai disagi una fattura da 350 mila euro per Sorical
Attualità
380 views
Attualità
380 views

Servizio idrico a Villa, in mezzo ai disagi una fattura da 350 mila euro per Sorical

Francesca Meduri - 9 Aprile 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Sarebbe un guasto negli impianti Sorical la causa del grosso disservizio idrico che da domenica sta…

«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»
Attualità
337 views
Attualità
337 views

«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»

Francesca Meduri - 8 Aprile 2024

Nei giorni scorsi, il Circolo PD di Villa - delegazione composta dal Segretario Enzo Musolino e dai Dirigenti Salvatore Ciccone…