Villa, raccolta fondi per la realizzazione del progetto “Adotta un nonno”

17 Dicembre 2023
379 Views
Stampa

 «Con impegno e dedizione, senza clamore, tra i quartieri a nord di Reggio Calabria e nel territorio di Villa San Giovanni si sta costruendo, mattoncino dopo mattoncino, un modello di prossimità socio sanitaria che punta al benessere delle persone e, insieme, della comunità e considera, quindi, la salute come un bene comune».

Lo hanno esplicitato, in una conferenza stampa presso la Sala consiliare del Comune di Villa San Giovanni, Fortunata Denisi, presidente della Cooperativa Res Omnia, il sindaco Giusy Caminiti e l’assessore comunale con delega alla Salute, Maria Grazia Simona Melito, presentando la raccolta fondi per il progetto “Adotta un nonno”, attuato con la collaborazione delle cooperative Demetra e Rose Blu, con la Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Vallata del Gallico e col patrocinio gratuito della città di Villa.

Un lavoro innovativo di co-progettazione e di sensibilizzazione, quello che tutti i partner stanno svolgendo insieme, con le rispettive competenze ed esperienze. Le attività della Res Omnia sono cominciate proprio sul territorio villese, otto anni fa, con l’accreditamento ai servizi di assistenza e sono proseguite con i tanti interventi per il benessere di comunità, la presenza solida e incisiva tra le famiglie e gli anziani di Arghillà e la prima vaccinazione pediatrica portata nel quartiere.

Con “Adotta un nonno”, l’attenzione si concentra sulle persone fragili, con più di 65 anni, che possono essere curate a casa evitando loro il trauma dei ricoveri o dei continui spostamenti verso ambulatori ed ospedali. Ma non si pensi alla semplice assistenza domiciliare di un infermiere o di un operatore socio sanitario, i cosiddetti oss, piuttosto ad un intervento strutturato e costruito su misura sull’anziano e sui suoi bisogni e desideri. Le situazioni sono innumerevoli, tinte da mille sfumature, ma tutte percorse da quel senso di smarrimento, solitudine e impotenza che chi affronta la malattia propria o di un familiare può ben capire. Ci sono anziani soli o con famiglie e badanti che non riescono a gestire le terapie complesse al rientro da un ricovero ospedaliero, l’igiene a letto, le piaghe da decubito. L’infermiera e l’operatrice, che almeno due volte la settimana si presentano alla porta, diventano figure indispensabili per la cura del paziente e per un’ottimizzazione dell’ambiente casalingo. Rimuovere i tappeti su cui gli anziani possono inciampare, controllare le condizioni igieniche dell’abitazione e della persona, aprire il cassetto dei farmaci e buttare via quelli scaduti, insegnare a tenere il diario dei valori della glicemia e l’uso del misuratore, monitorare la pressione, sono le prime azioni che si compiono dopo aver conquistato la fiducia e l’affetto del paziente, in una relazione che diventa sempre più profonda e non si ferma alla cura delle patologie. Entrare nelle case, ascoltare, donare tempo e attenzioni diventa un’ancora di salvezza per chi vive in povertà o in solitudine: una pensione bassa costringe molti a risparmiare sul cibo e sulle cure, tanti sono i vedovi o le coppie in età avanzata con i figli lontani. Allora diventa davvero una carezza l’infermiera che porge il proprio telefono per fare una videochiamata ai nipotini, la borsa con la spesa che arriva da un’associazione del territorio chiamata ad intervenire quando necessario o l’accompagnamento in chiesa per partecipare alla messa e fare la comunione.

«In un’Italia che invecchia e in una Calabria dove, spesso, l’anziano vive nei borghi che si spopolano e perdono servizi essenziali – ha ricordato Fortunata Denisi – la sanità deve essere di prossimità, come ci ripete pure Papa Francesco spiegando che la presa in carico smette di essere una questione burocratica e diventa incontro, accompagnamento, condivisione. Farsi prossimi significa anche abbattere le distanze, fare in modo che non ci siano malati di “serie A” e di “serie B”, mettere in circolo le energie e le risorse perché nessuno sia escluso dall’assistenza sociosanitaria».

Allora, tutti possono sostenere le Cooperative Res Omnia, Demetra e Rose Blu e la Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Vallata del Gallico in questo progetto di vicinanza alle persone fragili e alle comunità con una donazione sul sito internet cooperativaresomnia.it, detraibile dall’Irpef o dal reddito. Il 30 per cento della donazione delle aziende, invece, ritornerà loro attraverso buoni spesa ed il logo aziendale comparirà come sostenitore sui materiali del progetto e sui social.

Potrebbe interessarti

Truffe agli anziani, i carabinieri di Villa denunciano due napoletani. I consigli per non cadere in trappola
Cronaca
263 views
Cronaca
263 views

Truffe agli anziani, i carabinieri di Villa denunciano due napoletani. I consigli per non cadere in trappola

Francesca Meduri - 15 Giugno 2024

  I Carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni (RC) hanno denunciato a piede libero uno uomo e una donna,…

Da oggi la stazione di Cannitello riparte alla grande: oltre 20 fermate giornaliere per cittadini e turisti
Attualità
438 views
Attualità
438 views

Da oggi la stazione di Cannitello riparte alla grande: oltre 20 fermate giornaliere per cittadini e turisti

Francesca Meduri - 15 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI - «Si parte, anzi si riparte: da domani mattina ore 6:00 e fino ad oltre l'una di…

Il 15 e 16 giugno l’Ail è in “Campo”
Uncategorized
160 views
Uncategorized
160 views

Il 15 e 16 giugno l’Ail è in “Campo”

Francesca Meduri - 14 Giugno 2024

Ail in “Campo” è un’iniziativa di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle malattie del sangue, un contenitore di attività realizzate da Ail…