Reggio, Falcomatà rientra in Consiglio: «L’unico modo per fare politica è quello della gentilezza»

20 Novembre 2023
320 Views
Stampa

 

«Non è tempo di parlare di nemici, di guerre, di soldati, di divisioni»

È un richiamo al «primato della gentilezza in politica», quello che il sindaco Giuseppe Falcomatà, al rientro in Consiglio comunale dopo la sentenza di assoluzione in Cassazione, ha fatto a tutte le forze politiche presenti fra i banchi dell’aula di Palazzo San Giorgio. Concludendo i preliminari della seduta odierna, il primo cittadino ha sottolineato la necessità che la città «si liberi dal mito di Crono che mangia la testa ai propri figli». È un appello all’unità, ad una confronto con il territorio e con le forze di minoranza sulla programmazione Pn Metro Plus 2021/2027, sulla quale «223 milioni di euro dovranno essere spesi in green, comunità energetiche, sostenibilità, occupazione, welfare, infrastrutture, opere pubbliche, digitalizzazione che, evidentemente, avranno uno sviluppo e una realizzazione che va oltre questo ciclo politico, ma che si decide oggi e lo si deve fare tutti assieme».

«Non è tempo di parlare di nemici, di guerre, di soldati, di divisioni», ha sottolineato Falcomatà aggiungendo: «La città non ha bisogno di conflitti. Il mondo non ne ha bisogno: ce ne sono già abbastanza. Noi, rispetto a chi vuole abbassare il dibattito richiamando terminologie belliche, continuiamo a ribadire che l’unico modo di fare politica, qui e altrove, è quello della gentilezza. Non dimentichiamo mai il nostro compito di doverla riportare in politica nei modi, nei toni, nell’approccio alle problematiche perché, alla fine, tutti dovremmo avere un unico obiettivo, seppur da posizioni diverse, che è il bene comune».

«C’è chi deve battere il chiodo sul legno – ha detto – e chi, invece, ha la responsabilità di smussare quel legno per renderlo più flessibile al chiodo. Ma tutti e due concorrono ad un unico obiettivo: il bene collettivo. Ognuno di noi deve fare la propria parte. Noi continueremo a comportarci da istituzioni. Dialogheremo col Governo e con la Regione, nella piena consapevolezza che quando si indossa la giacca istituzionale, si sveste quella del partito. Abbiamo il dovere di ragionare con chi opera nel nostro territorio. Continueremo a mettere al centro le persone, i loro problemi e quelli delle famiglie. Lo abbiamo fatto in queste settimane sul dramma che stanno vivendo gli operatori, i pazienti, le famiglie ed il territorio rispetto ai problemi delle Strutture psichiatriche. E su questo chiediamo alla Regione l’accreditamento dei centri e lo sblocco dei ricoveri per persone che hanno il diritto di restare ed essere assistiti nella nostra città. Non è una cosa di poco conto».

Quindi, il sindaco si è focalizzato su un’altra vicenda di stretta attualità: «Si sta trattando il passaggio epocale di responsabilità e gestione dei servizi con Sorical sull’idrico e sulla tariffazione. Stiamo seguendo con i sindacati, le società e i lavoratori questo trasferimento e quello che interessa Idrorhegion ed il futuro della depurazione, avendo come obiettivo la sostenibilità e la qualità del servizio ed il mantenimento dei livelli occupazionali».

Sulla programmazione, poi, Falcomatà ha ribadito come «non si possa fare al chiuso delle stanze di Palazzo». «E’ importante – ha ribadito – il confronto con le forze di minoranza, con la città, le associazione e le realtà che investono ed hanno a cuore le sorti di Reggio. Ci apprestiamo a scrivere una pagina decisiva in un mondo che sta cambiando radicalmente nelle abitudini e nei modi di vivere. Se non siamo interpreti di questo cambiamento sprechiamo l’occasione di poter cambiare il corso della storia sul nostro territorio. Chiameremo a raccolta tutte le forze della città, vogliamo condividerla questa programmazione, nutrirci di suggerimenti, proposte e critiche. Se pensiamo che questo riguardi solo l’amministrazione di centrosinistra o le prossime elezioni stiamo sprecando il nostro talento. Se ce la facciamo, ce la facciamo tutti insieme. Se ci mangiamo tra noi nessuno rimarrà più in città. Chiedo alle minoranze, a tutte le forze di partecipare a questo percorso».

Approvato un odg contro la violenza sulle donne dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin

Prima del sindaco Giuseppe Falcomatà, al dibattito preliminare hanno preso parte i consiglieri Giuseppe Marino che, nella Giornata internazionale per l’infanzia e l’adolescenza, ha rivolto un pensiero ai «bimbi di Gaza cui è negato ogni diritto umano», soffermandosi, in seconda battuta, «sull’ottimo lavoro che l’amministrazione sta portando avanti rispetto al potenziamento degli asili nido sul territorio comunale». Quindi, il consigliere Nino Zimbalatti ha riacceso i riflettori sul dramma vissuto dalle Strutture psichiatriche ed il capogruppo del Pd, Giuseppe Sera, ha salutato il ritorno in aula del sindaco Falcomatà ringraziandolo per «l’equilibrio e la serenità trasmessa ai consiglieri in questi due anni». Per il consigliere Filippo Burrone, «l’ottima amministrazione si palesa anche nel milione di euro riservato alle fasce più deboli nel primo bilancio previsionale svincolato dal Piano di riequilibrio». Anche per il consigliere Nino Castorina, il sindaco Falcomatà rappresenta «l’unica prospettiva di rilancio per il futuro della città».

Entrando nel merito dell’ordine del giorno previsto, il Consiglio comunale ha approvato la ratifica di tre delibere di giunta illustrate dall’assessora al Bilancio, Irene Calabrò, ed il riconoscimento di due debiti fuori bilancio posti all’attenzione dal consigliere Giuseppe Cuzzocrea. Infine, è stato approvato un ordine del giorno che condanna, anche alla luce dell’ultimo efferato femminicidio di Giulia Cecchettin, la violenza contro le donne e sul quale sono intervenuti, fra gli altri, i consiglieri Filippo Quartuccio, Giuseppe Giordano, Giuseppe Sera, Carmelo Romeo, Franco Barreca e Nino Castorina. Proprio in memoria di Giulia Cecchettin, ad inizio seduta, il Consiglio comunale si è stretto in un minuto di silenzio.

Potrebbe interessarti

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario
Attualità
117 views
Attualità
117 views

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

SAN ROBERTO - Il Consiglio Comunale di lunedì scorso, tenutosi a San Roberto, ha approvato il rendiconto di gestione e…

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»
Attualità
256 views
Attualità
256 views

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Dopo la manifestazione del 18 maggio contro il Ponte sullo Stretto arrivano le considerazioni del Comitato…

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti
Attualità
606 views
Attualità
606 views

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti

Francesca Meduri - 19 Maggio 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI - «Calabria e Sicilia unite nella lotta, lo Stretto di Messina non si tocca!».…