Villa, Filipppo Bellantone spinge per il porto a sud: «La città merita di respirare»

17 Febbraio 2023
527 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – «Che aria si respira a Villa?! Dopo 50 anni d’inquinamento: la città merita di respirare?! Che senso avrebbe spostare gli approdi (in adiacenza) a 350 m da dove sono e lasciarli, al centro della città?». Sono le domande poste da Filippo Bellantone, già consigliere comunale in quota minoranza durante la consiliatura targata Antonio Messina.

«Nella scorsa primavera, in preparazione alla fase elettorale, con moltissimi amici, compagni di partito, tecnici di altissimo profilo e tantissimi cittadini legittimamente interessati, – ricorda Bellantone – ci siamo interrogati e abbiamo discusso approfonditamente su questo tema.

Si è persino organizzata una agorà cittadina, assai partecipata, con l’apporto scientifico di due docenti universitari, peraltro figli della nostra città, che con grandi competenze (tra le più alte in materia di costruzioni marittime, difesa e protezione dei litorali, tecnica ed economia dei trasporti), hanno illustrato un quadro chiaro sullo stato di conoscenza di questo argomento, concludendo in modo inconfutabile che: non esiste alcun progetto da seguire in merito allo spostamento degli approdi a sud: né da un punto di vista meteo marino né da un punto di vista trasportistico.

Si parlò, per citare il concetto in maniera plastica, di “Un impatto sconosciuto”».

«Dopo soli otto mesi – osserva oggi Bellantone – nulla è cambiato riguardo la fase progettuale, se non per il dato clamoroso emerso a seguito dell’ipotesi relativa a DPSS (Documento Di Programmazione Del Sistema Portuale Dello Stretto) avanzate dall’AdSP.

In quell’occasione la città apprese di un possibile aumento degli approdi per il gommato nell’area FS, e cosa ancora più preoccupante, della realizzazione di un enorme piazzale a mare per l’accumulo dei veicoli in transito per i futuri approdi in adiacenza all’attuale molo FS.

A quelle ipotesi, nate non per caso… tutti dovettero opporsi».

E allora, Bellantone chiede: «In mancanza di un progetto come occorre agire per evitare di sciupare altro tempo ed opportunità?».

«Si è provato – prosegue Bellantone –  ad offrire una soluzione in occasione della manifestazione d’interesse dello scorso agosto e depositando un articolato documento.

In sostanza, si disse, che sprovvisti di dati tecnici e scientifici è necessario che ci guidi un criterio di maggiore rilevanza! Vale a dire quello della salute pubblica e che pertanto gli approdi occorre spostarli fuori dalla città, se vogliamo risolvere il problema dell’inquinamento.

Da quanto apprendiamo dalla stampa invece, sembrerebbe che si dia per scontata la soluzione degli approdi in adiacenza, tanto da poter dare corso alla progettazione delle future bretelle di collegamento con l’altrettanta futura collocazione dei nuovi approdi».

«Una tale decisione, che vincolerà la città per diversi decenni a venire, – ritiene Bellantone – non può essere presa senza che vi sia un’ampia discussione e siano chiare e note a tutta la cittadinanza le alternative, le ulteriori possibilità e le implicazioni che tali scelte comporteranno.

Villa San Giovanni ha diritto di conoscere in maniera trasparente quale saranno le proprie prospettive».

E infine: «Risolvere il problema? O spostarlo di un po’?! Alla ricerca di una soluzione utile e non per forza la più semplice. Per una scelta condivisa e consapevole della città».

Potrebbe interessarti

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario
Attualità
117 views
Attualità
117 views

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

SAN ROBERTO - Il Consiglio Comunale di lunedì scorso, tenutosi a San Roberto, ha approvato il rendiconto di gestione e…

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»
Attualità
256 views
Attualità
256 views

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Dopo la manifestazione del 18 maggio contro il Ponte sullo Stretto arrivano le considerazioni del Comitato…

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti
Attualità
606 views
Attualità
606 views

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti

Francesca Meduri - 19 Maggio 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI - «Calabria e Sicilia unite nella lotta, lo Stretto di Messina non si tocca!».…