SCILLA. Bioetica, costruttivo confronto tra docenti e studenti

17 Aprile 2015
539 Views
Stampa

bioetica

Bioethical Challenges and Dilemmas in a rapidly evolving Biomedicine
XIX International Course in Bioethics
13th -17th April 2015, Scilla, Italy

Si è tenuto a Scilla l’innovativo Corso internazionale di bioetica dal titolo “Bioethical challenges and dilemmas in a rapidly evolving biomedicine”.
Le giornate di approfondimento, promosse e curate dal Prof. Francesco Saverio Ambesi-Impiombato, con il patrocinio dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e del Stanley S. Scott Cancer Center dell’Università della Luisiana in New Orleans, hanno visto la partecipazione di qualificati docenti delle università di Udine, Catanzaro, Parigi, Amsterdam, Nijmegen, New Orleans, Praga, Lubiana, Santa Maria, Temuco e Santiago del Cile.

I ventidue studenti selezionati all’interno delle suddette università, hanno seguito il Corso, in lingua inglese, che aveva lo scopo di fornire le basi delle principali tematiche di bioetica.
La medicina sta cambiando a velocità vertiginosa grazie al rapido sviluppo scientifico e tecnologico, creando conflitti morali tra ciò che è tecnologicamente possibile e ciò che è moralmente attuabile. I pazienti hanno oggi accesso a una grande quantità d’informazione via internet che può essere non ben compresa e fuorviante se non gestita in maniera adeguata. Le banche dati raccolgono informazioni sul nostro genoma, sulle nostre finanze, sui nostri stili di vita che se non adeguatamente protetti possono ledere l’autonomia e la privacy di ciascuno di noi. Gli stili di vita non riguardano il singolo ma influenzano l’intera società nella gestione delle risorse sanitarie ed economiche. L’economia diventa sempre più importante nel determinare il tipo e la quantità di prestazioni sanitarie da fornire ai pazienti. I medici hanno bisogno di certezze su tematiche etiche per proteggere i propri pazienti. I risultati della ricerca di base devono essere traslati nella pratica clinica quotidiana. I futuri professionisti (non solo medici o infermieri ma anche avvocati, farmacisti,…) hanno bisogno di nuovi metodi di approccio alla soluzione di questi e di altri problemi nell’approccio con il paziente.
Per affrontare questi e altri problemi abbiamo bisogno di adottare nuove metodologie educative. Dal confronto costruttivo tra studenti e docenti, in una “learning community”, possiamo porre le basi per un nuovo approccio educativo in medicina. E non solo. Le nuove tecnologie e terapie devono adattarsi alle norme ed i valori dei pazienti e non viceversa. Solo partecipando in questa “learning community” di clinici, scienziati e pazienti potremo dar risposta a questi dilemmi etici sempre più attuali e pressanti.

Potrebbe interessarti

Coronavirus, altri 4 morti al Gom di Reggio. Anche un uomo senza altre patologie
Attualità
585 views
Attualità
585 views

Coronavirus, altri 4 morti al Gom di Reggio. Anche un uomo senza altre patologie

Francesca Meduri - 3 Dicembre 2020

La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che nelle ultime ventiquattro si sono registrati 4…

Covid-19 a Villa, il virus non frena: 6 nuovi casi positivi
Attualità
685 views
Attualità
685 views

Covid-19 a Villa, il virus non frena: 6 nuovi casi positivi

Francesca Meduri - 3 Dicembre 2020

VILLA SAN GIOVANNI- Sei nuovi positivi oggi a Villa San Giovanni e salgono a 121 i casi accertati di coronavirus…

Villa, pioggia mette in ginocchio zona imbarchi
Uncategorized
1844 views
Uncategorized
1844 views

Villa, pioggia mette in ginocchio zona imbarchi

Francesca Meduri - 3 Dicembre 2020

A Villa San Giovanni sta piovendo ininterrottamente da stamattina e i disagi non si sono fatti attendere. In particolare,  il…