Ponte sullo Stretto, Pd Villa: «L’Amministrazione si assuma le proprie responsabilità politiche»

18 Settembre 2023
414 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – È stato protocollato nei giorni scorsi al Comune di Villa, indirizzato alla sindaca e ai consiglieri comunali, il documento politico con cui il Partito democratico villese – analizzando la situazione relativa «all’accelerazione sull’illusione  “Ponte” e alla sottrazione di vere risorse per le opere davvero necessarie per  Villa e per il Sud» –  chiede «l’attivazione di un coordinamento civico stabile, di una cabina di regia villese – spiega il segretario dem Enzo Musolino – che dia corpo a quel “dibattito pubblico” sulle infrastrutture che, purtroppo, Salvini e la Lega Nord ci hanno sottratto, decidendo per noi tutti, appiattendoci sugli interessi economici di grandi imprese, di famosi studi professionali del Nord, di chi il “Ponte” lo interpreta come fenomenale occasione d’affari. Non importa, infatti, realizzarlo davvero, importa iniziare a spendere, senza alcun riguardo e timore per la “moltiplicazione” degli “ecomostri”, stile Variante di Cannitello».

Il documento

Oggetto: «La retorica sul “Ponte”, la sottrazione di risorse, le priorità della città. Un documento politico con la richiesta di attivazione di un coordinamento civico stabile sul tema infrastrutture»

«È tutto connesso, c’è un progetto preciso di Salvini e del governo Meloni:

al Sud, alla Calabria, vanno il più possibile sottratti i fondi PNRR per le infrastrutture, si deve rimandare tutto alla ricerca di fondi ulteriori, ci si deve accontentare – nell’oggi – dell’illusione “Ponte sullo Stretto”.

Tutto deve essere assoggettato all’inizio dell’Opera. Questo conta, iniziare!

Non conta realizzarlo davvero (anche perché non ci sono i 15 miliardi e più che servirebbero e non ne è programmato il reperimento).

Cosa significa tutto questo per Villa?

1) l’abbandono dell’appalto sul lungomare, finalizzato al mascheramento dell’ecomostro di Cannitello;

2) la fine della speranza di liberare la città dall’inquinamento con il Porto a Sud;

3) la realizzazione di nuovi “ecomostri” funzionali agli espropri, alla cantierizzazione delle aree per il Ponte;

4) la dequalificazione dell’intero territorio destinato a tramutarsi nella “città sotto il Ponte”.

Non è ora che suoni la sveglia?

Cosa si sta aspettando per concorrere – INSIEME – ad un’ opposizione seria, nonviolenta, civile, politica, amministrativa, contro questo scempio?

L’amministrazione comunale villese è riuscita – anche grazie alla critica al Governo esercitata dal Partito Democratico – ad essere presente in qualche “tavolo tecnico”, ad interloquire con il ministro leghista alle infrastrutture ma, oramai, le cose vanno avanti per “accelerazione e per sottrazione”, per accelerazione sull’eliminazione di ogni tetto e limite nella remunerazione dei dipendenti e manager della Società Stretto di Messina, per sottrazione con riferimento ad altri e più importanti interventi sul territorio come, appunto, i nuovi approdi a Sud del Porto storico villese e il definanziamento dei Piani Urbani Integrati (definanziamento per più di sei milioni di euro ultimamente denunciato dall’Amministrazione villese).

Ed attenzione, anche gli interventi programmati dall’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto sono comunque legati, finalizzati, alla realizzazione del Ponte, intesa come priorità:

ce lo dice espressamente il “Decreto” di Salvini sul rifinanziamento del baraccone societario in liquidazione che ha il compito di realizzarlo questo fantomatico Ponte.

Ce lo dice una programmazione dell’AdSPdS che deve necessariamente tener conto della volontà politica di questo Governo.

Non si capisce, però, leggendo i vari documenti, in che modo dovrebbero “dialogare” i diversi cantieri insistenti su Villa.

In che modo, attraverso quali forme di tutela della Città e della salute dei suoi abitanti, con quale coordinamento, verranno realizzati “insieme” i cantieri dell’AdSPdS sul Porto storico e quelli di Salvini sull’attraversamento stabile?

L’unica cosa che si sono premuniti di scrivere, appunto, è che la priorità è il Ponte e che tutto il resto viene asservito, è funzionale allo scopo primario.

E lo si vede bene, per altro, nell’appalto delle Ferrovie sul Lungomare villese:

più di 400 giorni lavoro di ritardo per consegnare un primo lotto, senza garanzie di conclusione lavori, con il “mascheramento” dell’orrenda intubata di Cannitello ormai sostanzialmente espunto dall’intervento perché, appunto, l’ecomostro è ritornato utile, è funzionale al Ponte.

Cosa dovrebbe chiedere, quindi, l’amministrazione villese?

Cosa dovremmo elemosinare noi cittadini di Villa?

Opere compensative?

E come si compensa la trasformazione di una intera Città in un cantiere più che decennale? Come si compenserà la fuga dei residenti?

L’impoverimento legato agli espropri, alla fine di tante attività commerciali?

Come si compensa il pregiudizio collettivo subito in salute e in qualità della vita deteriorata?

Può bastare chiedere l’acquisizione di questo o quell’ immobile dismesso da anni ?

È sbagliato parlare di interventi “compensativi”, è come ritornare indietro nel tempo, disconoscere il valore intangibile dell’ambiente, del territorio, dello sviluppo davvero sostenibile, per piegarsi agli interessi di questi nuovi “padroni del vapore”.

Sullo Stretto non ci possono essere opere compensative, ci sono – e sono tante – le opere prioritarie, necessarie, indispensabili, davvero utili, imprescindibili per il futuro di Villa, con in testa un Porto storico riammodernato senza nuovi scivoli e nuovo traffico;

con i nuovi approdi lontano dal centro abitato;

con una stazione ferroviaria all’avanguardia e priva di barriere architettoniche.

È ora di diffondere e di difendere queste verità, senza timori reverenziali, ne’ terzietà impossibili.

Non basta l’ultima “sterzata” della sindaca Caminiti che, per fortuna, di recente, ritorna a parlare di “fumo negli occhi” riferendosi al Ponte; ci vuole qualcosa in più !

I poteri del sindaco in materia di protezione del territorio, dell’ambiente, di programmazione urbanistica, di tutela della salute sono tanti e vanno attivati !

Di fronte all’alternativa tra spreco-deturpazione e futuro-sviluppo non si può essere neutrali.

Il Comune di Villa, così come ha fatto in passato, discutendo “insieme alle forze politiche” i progetti dell’AdSPdS e opponendosi alla previsione di nuovo traffico pesante nel centro della Città, deve farsi parte attiva e coinvolgere tutte le forze sociali del territorio sul tema Ponte sullo Stretto.

Il dibattito pubblico – bypassato dal decisionismo di Salvini e della Lega Nord – deve essere stimolato dagli Amministratori che hanno il dovere di aprirsi alla Cittadinanza, di affrontare chiaramente il tema dell’opposizione ad un’Opera devastante e inutile.

Non è vero che i cittadini villesi siano o indecisi o indifferenti!

I villesi sono, ormai, increduli, smarriti, abituati purtroppo ai troppi “poteri” e “autorità” che insistono sul nostro territorio e che sembrano andare ognuno per conto loro, senza strategia, confusamente, con il solo effetto di “moltiplicare” sulla carta i cantieri promessi mentre, in concreto, si sperimenta tristemente il fermo dei lavori di quelli realmente indispensabili, come stiamo verificando sul Lungomare.

E’ necessario, quindi, un autorevole intervento dell’Amministrazione che, non sottraendosi alle proprie responsabilità politiche, sappia mettere ordine in tanto caos, non solo denunciando i ritardi ma attivando un coordinamento civico stabile a Villa sui lavori da eseguire, una cabina di regia villese, aperta alla società civile, alle forze politiche attive, che intervenga criticamente sulle tempistiche, che comunichi le priorità di intervento, che denunci l’impoverimento legato alla remunerazione degli espropri.

Su questo ultimo punto, presto, il circolo pd di villa organizzerà un incontro informativo aperto alla cittadinanza!

Salvini ci dice che nella prossima primavera ci sarà la posa della nuova “prima” pietra del “nuovo” Ponte, quello che ha sostituito la precedente illusione berlusconiana.

Se non fosse tragico, non sarebbe tutto profondamente ridicolo?

Non ci basta lo sfregio della variante di Cannitello?

Quante altre “prime pietre” d’inciampo dovranno subire i villesi?»

Potrebbe interessarti

Ponte, il Pd villese incalza la sindaca: «Risponderà finalmente alle nostre istanze?»
Attualità
114 views
Attualità
114 views

Ponte, il Pd villese incalza la sindaca: «Risponderà finalmente alle nostre istanze?»

Francesca Meduri - 24 Luglio 2024

VILLA SAN GIOVANNI - «La sindaca Caminiti risponderà finalmente, al "Teatro Primo" (24 Luglio, ore 18), alle richieste dei Democratici?»,…

Villa, il movimento “No Ponte Calabria” interroga la sindaca Caminiti
Attualità
94 views
Attualità
94 views

Villa, il movimento “No Ponte Calabria” interroga la sindaca Caminiti

Francesca Meduri - 24 Luglio 2024

VILLA SAN GIOVANNI – «Cosa possono fare le amministrazioni comunali per ostacolare la truffa del Ponte? Può essere trovato un…

Esodo estivo, si punta a ridurre il traffico nel centro di Villa San Giovanni
Attualità
296 views
Attualità
296 views

Esodo estivo, si punta a ridurre il traffico nel centro di Villa San Giovanni

Francesca Meduri - 20 Luglio 2024

Si è riunito presso il Palazzo del Governo, convocato dal Prefetto Clara Vaccaro, il Comitato Operativo Viabilità, per l’esame e…