Villa, sindaci Ambito 14: «Proroga e futura stabilizzazione per i lavoratori dei servizi sociali»

9 Luglio 2023
521 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – «Martedì i lavoratori a tempo determinato torneranno ad erogare i servizi assistenziali per l’Ambito 14, servizi che anche in questa settimana di sospensione contrattuale sono stati comunque garantiti». Ad annunciarlo sono i sindaci dell’Ambito 14, dopo l’incontro tenutosi venerdì pomeriggio a Villa San Giovanni per delibere la proroga tecnica dei contratti senza soluzione di continuità (ossia a far data dall’1 luglio2023) e fino al 31 dicembre prossimo.

«Si tratta di proroga tecnica, appunto, in attesa – spiegano i sindaci – che si avvii e si concluda l’iter per la stabilizzazione dei 19 dipendenti a tempo determinato dell’Ambito 14: i sindaci hanno anche dato mandato alla struttura tecnica di avviare la cosiddetta stabilizzazione cartolare dall’1 gennaio 2024 e per tutti i lavoratori. Rispetto alla proposta di proroga tecnica propedeutica alla stabilizzazione si è registrata l’astensione del Comune di Campo Calabro. Il comune di Bagnara procederà, invece, autonomamente ad un concorso per l’assunzione di un suo assistente sociale per come comunicato all’Ambito in data 7.7.2023 con protocollo in uscita n.14556. Un lungo lavoro di approfondimento giuridico e un’attenta discussione sulle possibilità legate alla stabilizzazione ha portato alla decisione di assumere i 19 operatori (tra psicologi, amministrativi, assistenti sociali ed educatori) per 24 ore settimanali, tante da permettere l’utilizzo dei fondi non solo per far fronte al personale ma anche per rendere servizi diretti alle comunità. La proposta è stata formulata e presentata dal responsabile avv. Eros Polimeni e poi sviscerata in un confronto attento, concreto ed equilibrato, in cui si sono bilanciati i tanti interessi in gioco».

«La fattispecie, evidentemente complessa, – specificano i sindaci – ha necessitato appunto di un approfondimento relativo a profili tecnico – giuridici e finanziari, fermo restando la volontà che il “decisore” politico ha voluto assumere anche sulla scorta dei dati tecnici forniti. Pur non essendoci alcun diritto alla stabilizzazione, stabilito che alla base dell’iniziale reclutamento (2918/2019) vi è stata una selezione pubblica, il coordinamento ha deciso di avvalersi delle disposizioni di cui all’art. 20, c. 1, D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 75 e s.m.i. che, nel disciplinare la cosiddetta stabilizzazione, pone, tra le condizioni legittimanti, lo svolgimento di “procedure concorsuali” poste a base del reclutamento a tempo determinato del personale, in relazione alle medesime attività svolte, concretizzando le finalità della norma introdotta allo scopo di: superare il precariato; ridurre il ricorso ai contratti a termine; valorizzare la professionalità acquisita dal personale con rapporto di lavoro a tempo determinato. Una professionalità che, tra l’altro, si esplica in servizi indispensabili e costituzionalmente garantiti alla persona, nel settore delle politiche sociali che fondano la loro ragione di essere, appunto, sulla continuità assistenziale».

«Sulla base della già avvenuta (in questi ultimi mesi) programmazione dei fabbisogni da parte di tutti i comuni dell’Ambito, valutata la sostenibilità finanziaria della decisione», i sindaci hanno «non solo programmato il fondo povertà ma si sono resi disponibili (qualora fosse necessario) a mettere a disposizione per quota parte il Fondo di solidarietà assegnato a ciascun Comune, al fine di rendere servizi sempre migliori alla popolazione dell’ambito (42.400 cittadini), nella consapevolezza che gli stessi potranno essere sempre meglio garantiti quanto più sarà efficiente ed efficace il lavoro di un gruppo stabile e consolidato, in possesso di conoscenze adeguate e che abbia maturato specifiche competenze ed esperienze anche in materia di fondi sociali».

Concludono i sindaci dell’Ambito 14: «Non sfugge a tutti che si è data dignità al lavoro di professionisti che, aderendo all’avviso di prossima pubblicazione per la sottoscrizione di contratti di lavoro a tempo indeterminato per 24 ore settimanali, avranno certezza del proprio futuro e di quello delle proprie famiglie. Una nuova sfida per tutti, amministratori, settore politiche sociali, destinatari di proroga e successiva stabilizzazione, perché il nuovo cammino tracciato dai sindaci dell’Ambito 14 possa davvero cominciare a dare risposte ai bisogni. In tal senso il coordinamento ha deliberato la partecipazione al bando regionale “Sport e disabili” con l’acquisto di beni ad uso dei portatori di handicap; ha, infine ma non da ultimo, programmato l’utilizzo dei residui degli FNA (Fondi per la non autosufficienza) per il servizio di trasporto di bambini, giovani ed adulti disabili/ non autosufficienti dal luogo di residenza ai centri di riabilitazione e cura, per tutti i comuni dell’Ambito 14. Un lavoro di attenta programmazione e studio, quello degli ultimi mesi, che comincia a dare i suoi frutti».

Potrebbe interessarti

Il 15 e 16 giugno l’Ail è in “Campo”
Uncategorized
137 views
Uncategorized
137 views

Il 15 e 16 giugno l’Ail è in “Campo”

Francesca Meduri - 14 Giugno 2024

Ail in “Campo” è un’iniziativa di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle malattie del sangue, un contenitore di attività realizzate da Ail…

Reggio, Forza Italia diserta consiglio aperto sul Ponte: «Non ha senso adesso, Falcomatà si dimetta»
Attualità
87 views
Attualità
87 views

Reggio, Forza Italia diserta consiglio aperto sul Ponte: «Non ha senso adesso, Falcomatà si dimetta»

Francesca Meduri - 14 Giugno 2024

Consiglio aperto sul Ponte, dalla piazza alla sala REGGIO CALABRIA - L’Amministrazione comunale di Reggio Calabria comunica che il Consiglio comunale…

Da “Brigate Rosse” minacce di morte via social contro due politici. Scatta deferimento
Cronaca
135 views
Cronaca
135 views

Da “Brigate Rosse” minacce di morte via social contro due politici. Scatta deferimento

Francesca Meduri - 14 Giugno 2024

      “L’esercito rivoluzionario ha promulgato sentenza definitiva di morte”. Così iniziava il commento minatorio, poi eliminato, rivolto nei…