Bagnara, la minoranza attacca: «Un anno di amministrazione Pistolesi, disastro annunciato»

27 Giugno 2023
228 Views
Stampa

BAGNARA CALABRA – «365 giorni di Amministrazione Pistolesi. Un disastro annunciato!». È il duro affondo del gruppo di minoranza “La Bagnara che VogliAmo” nei confronti della coalizione di governo eletta un anno fa. In un video e in una nota postati sui social, tra sarcasmo e indignazione, l’opposizione non usa mezzi termini per raccontare l’operato del sindaco Adone Pistolesi e squadra, passando in rassegna fatti e dati del «cambiamento» promesso in campagna elettorale. A partire dalle «figuracce», riportando come primo esempio le dichiarazioni del docente e scrittore esperto di mafie Antonio Nicaso in occasione di una iniziativa con le scuole: «Pensavo di dover parlare agli studenti, invece questa opportunità è stata trasformata in una parata politica».

E ancora: dalla sentenza con cui il Tar ha stabilito che «il ricorso è fondato e deve essere accolto», annullando il provvedimento impugnato e condannando il Comune di Bagnara e la cooperativa “Mare Vivo” al pagamento delle spese processuali; alle immagini, postate sui social da alcuni ciclisti in transito nella Costa Viola durante il giro della Città Metropolitana di Reggio Calabria, che fotografano una Bagnara deturpata da rifiuti e degrado. Minoranza a muso duro anche sui servizi ai cittadini, citando tra le altre cose i deficit del servizio idrico e gli allagamenti a ogni pioggia.

«Un disastro annunciato con le tasse tra le più alte d’Italia!», rincara la dose “La Bagnara che VogliAmo”, denunciando quindi le pessime condizioni in cui versa il verde pubblico e la situazione che si registra in alcune scuole del paese. Tutto rigorosamente documentato nelle riprese pubblicate su Facebook, con commento a corredo: «Questi sono i risultati con uno sperpero di denaro pubblico senza precedenti. Un’eredità di 40 milioni di euro da spendere in opere pubbliche, per migliorare la qualità della vita dei cittadini bagnaresi».

Altre note dolenti riguardano il decoro urbano (soprattutto per l’evidente dissesto di vie e strade) e le opere pubbliche (dai lavori infiniti per la sistemazione della strada del lungomare di accesso al porto, al silenzio sulla Villa De Leo di Pellegrina), per non parlare delle indennità degli attuali amministratori: «3.584,00 euro per il sindaco, 1.586,00 euro per gli assessori disoccupati o in aspettativa, 794,00 euro per gli assessori lavoratori», per un totale di «9.410,00 euro al mese» e «112.920,00 euro all’anno», cioè «oltre mezzo milione di euro a fine consiliatura».

Insomma, il gruppo consiliare di minoranza non ha dubbi: «La poca competenza, la presunzione, il clientelismo sfrenato e una scarsa predisposizione al confronto sono i tratti distintivi dell’attuale amministrazione. Dovevano cambiare Bagnara, invece l’unica cosa che hanno cambiato ad oggi è il loro status economico. Nient’altro». (f.m.)

Potrebbe interessarti

Ponte sullo Stretto, a Villa una commissione fantasma: mistero sui nomi degli studiosi scelti dalla sindaca
Attualità
668 views
Attualità
668 views

Ponte sullo Stretto, a Villa una commissione fantasma: mistero sui nomi degli studiosi scelti dalla sindaca

Francesca Meduri - 11 Aprile 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI – Una commissione fantasma sembra essere quella formata dagli esperti studiosi arruolati a supporto…

Servizio idrico a Villa, in mezzo ai disagi una fattura da 350 mila euro per Sorical
Attualità
349 views
Attualità
349 views

Servizio idrico a Villa, in mezzo ai disagi una fattura da 350 mila euro per Sorical

Francesca Meduri - 9 Aprile 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Sarebbe un guasto negli impianti Sorical la causa del grosso disservizio idrico che da domenica sta…

«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»
Attualità
304 views
Attualità
304 views

«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»

Francesca Meduri - 8 Aprile 2024

Nei giorni scorsi, il Circolo PD di Villa - delegazione composta dal Segretario Enzo Musolino e dai Dirigenti Salvatore Ciccone…