La Camera dà l’ok al Dl Ponte, Giusy Caminiti e squadra soddisfatti: «Villa torna al centro del dibattito nazionale»

17 Maggio 2023
521 Views
Stampa

La Camera ha dato ieri l’ok alla legge di conversione del cosiddetto Dl Ponte, contenente “disposizioni urgenti per la realizzazione del collegamento stabile tra la Sicilia e la Calabria”. Doppio sì, prima sulla fiducia al governo e poi appunto sulla legge di conversione del decreto. Adesso il testo passa al Senato e dovrà diventare legge entro il 30 maggio.

Ad esprimere soddisfazione per quanto emerso ieri dall’Aula di Montecitorio, snocciolando nei dettagli le decisioni su Villa San Giovanni, il sindaco, la giunta e il gruppo consiliare “Città in Movimento.

Esordisce così l’Amministrazione Caminiti: «Villa San Giovanni, al pari di Messina, resta fuori dalla società del Ponte avendo il Governo posto la fiducia alla Camera sul disegno di legge di conversione in legge del decreto 35/2023 recante disposizioni urgenti per la realizzazione del collegamento stabile tra la Sicilia e la Calabria, ma diventa comunque protagonista in Parlamento grazie a tutte le forze politiche, che hanno presentato una serie di ordini del giorno per riconoscere alla Città quel ruolo unico che detiene quale passaggio obbligato per l’attraversamento gommato e ferroviario e, ovviamente, quale comune calabrese del Ponte sullo Stretto».

«Abbiamo con attenzione seguito i lavori e gli interventi, abbiamo con attenzione letto gli odg presentati dal Partito Democratico e dal Movimento Cinque Stelle che recepivano per intero la nostra richiesta di essere seduti al CdA della riattivanda società a titolo gratuito: la maggioranza – prosegue l’Amministrazione villese –  ha deciso diversamente e noi, non per questo, smetteremo di rivendicare quella presenza, per necessità e senza volere con ciò creare alcun precedente rispetto alle grandi opere, ma solo perché il Ponte non è una grande opera ma è l’opera ingegneristica più importante al Mondo e dall’impatto più evidente sui nostri territori.

Al contempo, però, abbiamo anche registrato una nuova sensibilità politica di questo Governo: è stato approvato, infatti, l’ordine del giorno presentato dall’onorevole calabrese Alfredo Antoniozzi (Fratelli d’Italia) che recepisce due delle richieste avanzate da questo consiglio comunale all’unanimità. L’odg – spiegano Giusy Caminiti e squadra – “impegna il Governo a valutare l’opportunità di definire, compatibilmente con i vincoli di finanza pubblica, anche attraverso un accordo di programma quadro, interventi per il Comune di Villa San Giovanni al fine di renderla una Città innovativa ed ecosostenibile per i trasporti, la salvaguardia delle risorse culturali e ambientali dello Stretto e il turismo sostenibile; assumere interventi per garantire la continuità territoriale in relazione alla realizzazione del Ponte sullo Stretto”. Grazie al partito della Presidente Meloni, cui domenica avevamo inteso scrivere confidando nella sensibilità istituzionale e nella capacità di ascolto delle istanze dei territori. Per noi è un importante segnale di attenzione. 

Sfrutteremo tutte le potenzialità contenute nei due emendamenti di cui è primo firmatario l’onorevole forzista Francesco Cannizzaro, sia per dare il via a un trasporto pubblico vero nell’area dello Stretto, sia per le possibili opportunità procedurali che contiene l’emendamento sull’ammodernamento e la rifunzionalizzazione dei porti dello Stretto, nell’ottica dello spostamento a sud degli approdi delle società private di navigazione».

Ma non è tutto: «Verso il riconoscimento della centralità anche di Villa – prosegue l’Amministrazione Caminiti – va il “rimaneggiato” ordine del giorno presentato dall’onorevole del Gruppo Misto Francesco Gallo: da messinese e “strettese”, Gallo ha ricordato anche Villa e l’odg approvato “impegna il Governo a valorizzare il ruolo degli enti territoriali competenti, a partire dai comuni di Villa San Giovanni e Messina, per garantire la rappresentanza diretta dei cittadini nell’intero percorso della realizzazione del Ponte sullo Stretto”».

«Saremo vigili – conclude la squadra “Città in Movimento” –  rispetto a questo percorso di valorizzazione del ruolo dei due comuni dirimpettai.

Oggi registriamo con soddisfazione che Villa San Giovanni torna al centro del dibattito nazionale, al pari di Messina che ha dalla sua l’omonimia con lo Stretto (e quindi è anche terminologicamente associata al collegamento stabile): una posizione – che quest’Amministrazione ha costruito solo nell’interesse della Città, senza colori politici e senza posizioni precostituite – ha acceso i riflettori dei partiti tutti e di tanti parlamentari, di ogni dove, che esercitano il proprio ruolo con vero spirito di servizio delle comunità territoriali».

Potrebbe interessarti

Villa, dopo le Europee Forza Italia rilancia il proprio impegno per la città
Attualità
143 views
Attualità
143 views

Villa, dopo le Europee Forza Italia rilancia il proprio impegno per la città

Francesca Meduri - 17 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Il coordinatore Daniele Siclari ed il vice coordinatore vicario Domenico De Marco, il gruppo consiliare di…

Villa, De Marco (Fi) denuncia le condizioni dei parchi pubblici e la penuria d’acqua
Attualità
133 views
Attualità
133 views

Villa, De Marco (Fi) denuncia le condizioni dei parchi pubblici e la penuria d’acqua

Francesca Meduri - 17 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Il consigliere comunale di Forza Italia Domenico De Marco denuncia le condizioni dei parchi pubblici: «Abbiamo…

Villa, fiamme nel cantiere di Piazza Repubbliche Marinare: indaga la Polizia
Uncategorized
505 views
Uncategorized
505 views

Villa, fiamme nel cantiere di Piazza Repubbliche Marinare: indaga la Polizia

Francesca Meduri - 16 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Un rogo ha interessato l'area di cantiere della Piazza delle Repubbliche Marinare, a Pezzo, dove sono…