Villa, i consiglieri di minoranza: «Assenti in Consiglio perchè viviamo un disagio istituzionale»

9 Marzo 2023
419 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – I consiglieri Santoro, Lucisano, Siclari, Calderone e De Marco spiegano di non aver partecipato al consiglio comunale di martedì «per difendere prerogative e diritti di ogni singolo consigliere e della città. Una decisione sofferta – scrivono – ma che non poteva più essere rinviata perché proseguire oltre nell’atteggiamento collaborativo a fronte di condotte che non consentono di esercitare i più elementari valori democratici, avrebbe voluto dire tradire la città e le stesse istituzioni. 

È grave e paradossale, infatti – contesta la minoranza – che un Assessore “tecnico”, in sede di Commissione Consiliare nel pieno dei suoi poteri, di fronte alla richiesta di informazioni sulla provenienza di specifici fondi che comportavano una variazione di bilancio, abbia l’ardire di rispondere che tali fondi siano stati “trovati per strada”.

Altrettanto grave è che, nel mentre si discutano i lavori delle Commissioni, ove si potrebbe anche decidere di rinviare o di sospendere alcuni punti all’o.d.g.,  arrivi la notifica del Consiglio, come a voler fare intendere, che quelle commissioni hanno un valore pari al nulla.

Tantomeno – continuano i consiglieri di “Villa in Comune” – è possibile tollerare che bozze di Regolamenti siano portati in Commissione e resi disponibili solo in quella sede, sprovvisti di una relazione illustrativa ed esplicativa che consenta ad ogni Consigliere di comprenderne l’obiettivo e soprattutto di conoscere le ragioni che portano a cancellare precedenti decisioni. E questo non può essere un semplice errore dovuto ad inesperienza, vista la presenza di preziosi giuristi che sanno esattamente come devono essere presentate le proposte».

E ancora: «Non è altrettanto tollerabile aspettare mesi e mesi senza poi avere alcuna risposta da parte degli uffici ed in modo particolare dal Segretario Generale su richieste di accesso agli atti, strumento fondamentale di controllo della minoranza ed al tempo stesso non riuscire a definire in modo concreto delle interrogazioni, a causa di una volontà chiara di non fare esercitare il proprio ruolo nella sala consiliare così come previsto.

Abbiamo assistito troppe volte ad interventi del Presidente del Consiglio volti a zittire la minoranza, su richiesta del Sindaco, con atteggiamenti irriguardosi verso il nostro ruolo e che denotano una scarsa condizione di equilibrio istituzionale.

Appare pertanto oltremodo non più giustificabile l’atteggiamento di una maggioranza che richiede il rispetto delle regole sui lavori del Consiglio, dimenticandosi da par loro di avere medesimo rispetto, in considerazione delle risposte non adeguate ed esaustive rispetto alle nostre richieste per il tramite di interpellanze e interrogazioni.

Dagli incontri con la minoranza e le associazioni era poi stato chiaro come le “linee Guida” erano propedeutiche al piano di localizzazione delle antenne che il Consiglio Comunale avrebbe dovuto approvare per dare ai tecnici l’indirizzo. E solo successivamente si sarebbero approvate, insieme al Regolamento.

L’idea di fare prevalere la logica della maggioranza, in modo particolare su questioni così importanti per la città, si scontra con il rispetto delle procedure che denotano il rispetto delle forme di legge e, prima di tutto, delle stesse istituzioni che l’amministrazione della città subisce come un fastidio.

Quel comportamento “responsabile” che la minoranza ha espresso sin dalla seduta d’insediamento di questo Consiglio Comunale con la votazione unanime del suo Presidente, ha visto come contro altare una maggioranza che, ottenute queste conquiste considerate come proprie vittorie politiche, ha inteso assumere un comportamento di scarsa collaborazione nonostante tutto, ha intrapreso discussioni dentro e fuori dal Palazzo municipale su temi importanti, dalle infrastrutture alle tematiche ambientali, senza mai coinvolgere il gruppo di minoranza».

Conclude la minoranza: «Alle condizioni attuali, quindi, non possiamo che mantenere, come fatto ieri, una linea di intransigenza al fine di tutelare il rispetto delle norme, del Consiglio Comunale, della città e dei valori democratici che nessuno può mettere in discussione.  

In considerazione di quanto suddetto ed a tutela del nostro ruolo comunicheremo questo nostro stato di disagio istituzionale ai massimi organi di governo del territorio».

 

Potrebbe interessarti

Ponte sullo Stretto, a Villa una commissione fantasma: mistero sui nomi degli studiosi scelti dalla sindaca
Attualità
753 views
Attualità
753 views

Ponte sullo Stretto, a Villa una commissione fantasma: mistero sui nomi degli studiosi scelti dalla sindaca

Francesca Meduri - 11 Aprile 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI – Una commissione fantasma sembra essere quella formata dagli esperti studiosi arruolati a supporto…

Servizio idrico a Villa, in mezzo ai disagi una fattura da 350 mila euro per Sorical
Attualità
380 views
Attualità
380 views

Servizio idrico a Villa, in mezzo ai disagi una fattura da 350 mila euro per Sorical

Francesca Meduri - 9 Aprile 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Sarebbe un guasto negli impianti Sorical la causa del grosso disservizio idrico che da domenica sta…

«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»
Attualità
337 views
Attualità
337 views

«Villa rischia di diventare uno dei luoghi più insalubri e invivibili d’Europa»

Francesca Meduri - 8 Aprile 2024

Nei giorni scorsi, il Circolo PD di Villa - delegazione composta dal Segretario Enzo Musolino e dai Dirigenti Salvatore Ciccone…