CAMPO CALABRO. Strade interpoderali in abbandono, Sandro Repaci chiede interventi

17 Giugno 2015
841 Views
Stampa

strada interpoderale a Campo Calabro

CAMPO CALABRO – Sono oramai un numero molto esiguo le strade interpoderali rimaste a Campo Calabro, labile ricordo di un abitato immerso nel verde, nel quale i ritmi di vita erano segnati dai lavori agricoli. Crediamo che, oltre alla loro utilità logistica, per consentire ai proprietari dei fondi agricoli e delle poche abitazioni che si affacciano su di esse di raggiungere i terreni, esse abbiano anche un significato storico e paesaggistico cui l’amministrazione comunale dovrebbe prestare maggiore attenzione. La strada di Castagnarella, stradina lunga circa un chilometro, attraversando campi ed uliveti secolari giunge fino ad un suggestivo terrazzamento che, posto a strapiombo sul Forte Umbertino di Poggio Pignatelli, ha un percorso suggestivo reso di difficile attraversamento nei mesi estivi, e diviene assolutamente impraticabile con le piogge autunnali ed invernali, impedendo agli abitanti dell’unico fabbricato esistente persino di raggiungerlo. I rovi che partendo dai margini della strada ne ostruiscono la carreggiata, già stretta di suo, la terra che scende dai sentieri franosi ricoprendo il vecchio asfalto, le buche che oramai erodono nei pochi punti ove è visibile la pavimentazione, rendono i fondi agricoli circostanti irraggiungibili, consegnandoli ad un prevedibile e triste abbandono. La via Abbadessa poi, che aggira l’abitato da Piazza Crea fino al rione Geraci, ove si congiunge ad un tratto asfaltato, è un singolare esempio di sopravvivenza di un tratturo agricolo in pieno centro del paese, anch’esso dal panorama invidiabile sulle ultime colline digradanti verso villa, ma è completamente ostruita da rovi ed erbacce che ne stanno letteralmente cancellando il tracciato. A nulla sono valse, a loro dire, le richieste dei proprietari dei fondi che costeggiano le stradine, che affermano di avere rappresentato più volte il disagio all’Amministrazione Comunale, e lo stato delle carreggiate non può che confermare queste affermazioni. Anche qua, come nella frazione Musalà del cui stato abbiamo trattato alcuni giorni orsono, si tratta veramente di poco: tagliare le erbacce ed i rovi che costeggiano la strada nei punti dove non hanno già provveduto i proprietari dei fondi agricoli, rimuovere la terra che ricopre in larghi tratti l’asfalto a Castagnarella, riparare le buche esistenti. Ma, al di là delle necessità contingenti, forse sarebbe il caso di cominciare a pensare a questi tracciati come a una risorsa storica, ambientale e paesaggistica da valorizzare ed inquadrare, in un programma di manutenzione ordinario, piuttosto che come fastidiose incombenze alle quali riservare una attenzione residuale.

per l’Amministrazione Ombra
Sandro Repaci

Potrebbe interessarti

Villa, in fiamme il quadro elettrico di Torre Telegrafo
Cronaca
252 views
Cronaca
252 views

Villa, in fiamme il quadro elettrico di Torre Telegrafo

Francesca Meduri - 21 Febbraio 2024

VILLA SAN GIOVANNI - In fiamme il quadro elettrico della pubblica illuminazione di Torre Telegrafo. Lo ha annunciato poco fa…

Raccolta rifiuti a Villa, nuova protesta sindacale: per due giorni solo servizi essenziali
Attualità
184 views
Attualità
184 views

Raccolta rifiuti a Villa, nuova protesta sindacale: per due giorni solo servizi essenziali

Francesca Meduri - 21 Febbraio 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Possibili disservizi nella raccolta dei rifiuti sono attesi per le giornate di giovedì 22 e venerdì…

Poliambulatorio Asp Villa, “Nuvola Rossa” conferma l’allarme e annuncia l’ennesimo scippo
Attualità
131 views
Attualità
131 views

Poliambulatorio Asp Villa, “Nuvola Rossa” conferma l’allarme e annuncia l’ennesimo scippo

Francesca Meduri - 21 Febbraio 2024

«Nei giorni scorsi la stampa locale ha richiamato l’attenzione sulle criticità perduranti del poliambulatorio di Villa San Giovanni, fondamentale presidio…