VILLA. In scena la mostra di Daniele Chiovaro: quando la disabilità è coraggio e voglia di vivere

25 Maggio 2015
1387 Views
Stampa

di CONSOLATA MAESANO

chiovaro 1 chiovaro 2

VILLA SAN GIOVANNI – Una mostra artistica del giovane pittore reggino Daniele Chiovaro è stata inaugurata sabato scorso presso la palestra della scuola secondaria di 1^ grado “Rocco Caminiti”. L’evento è stato proposto e organizzato da Domenico Trombetta, persona disabile che ormai tanti conoscono sul social network e su Facebook per la sua battaglia contro le barriere architettoniche e culturali nella città di Villa San Giovanni.

La storia di Daniele è quella un ragazzo affetto da una grave disabilità il quale però non ha assolutamente permesso che la malattia frenasse i propri sogni e il proprio talento. Così, con costanza, tenacia e l’appoggio della famiglia è riuscito a realizzare il suo obiettivo di diventare pittore ed espone i suoi quadri- realizzati tenendo i pennelli con la bocca- in parecchie mostre.
Cristina Santostefano- assistente di Chiovaro- racconta le tappe della sua carriera: dall’impossibilità di frequentare l’accademia delle belle arti a Reggio Calabria a causa delle barriere architettoniche al fortunato incontro con Antonio Federico, fondatore della prima accademia del fumetto calabrese “reggio comix”, che assieme a lei inizia a seguire il ragazzo per aiutarlo ad esprimere al meglio se stesso tramite la pittura.

chiovaro 3 chiovaro 4
Daniele racconta degli inizi del suo amore per la pittura: “Ho avuto questa passione sin da piccolo: guardavo i documentari per poi rappresentare il movimento. Soprattutto, mi piaceva dipingere gli animali”.
L’artista ama dipingere la natura: protagonisti sono spesso gli scenari agresti, con immensi prati, grandi alberi (“amo la primavera”, spiega Daniele), molta attenzione ai fiori e parecchia sensibilità per i paesaggi marini.
Il pittore spiega anche la scelta dei colori frizzanti e vivaci: “Mi piacciono molto: li uso per trasmettere serenità e allegria. L’azzurro è uno tra i miei colori preferiti, perchè mi dà un senso di libertà”.
E se gli si chiede quale messaggio voglia lanciare attraverso le sue opere, risponde con un sorriso: “Tutte le persone devono imparare ad affrontare la vita con serenità. È necessario avere coraggio e non abbattersi mai di fronte alle difficoltà: anzi, bisogna superarle”. Perché, come ha ribadito Domenico Trombetta nel presentare l’iniziativa, “disabilità non è sinonimo di inferiorità”.

Potrebbe interessarti

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario
Attualità
117 views
Attualità
117 views

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

SAN ROBERTO - Il Consiglio Comunale di lunedì scorso, tenutosi a San Roberto, ha approvato il rendiconto di gestione e…

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»
Attualità
256 views
Attualità
256 views

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Dopo la manifestazione del 18 maggio contro il Ponte sullo Stretto arrivano le considerazioni del Comitato…

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti
Attualità
606 views
Attualità
606 views

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti

Francesca Meduri - 19 Maggio 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI - «Calabria e Sicilia unite nella lotta, lo Stretto di Messina non si tocca!».…