CAMPO CALABRO. Allarme furti in abitazioni, “Passione Civile” bacchetta la giunta Idone sul tema della sicurezza urbana

9 Maggio 2015
558 Views
Stampa

sandro repaciNella foto: SANDRO REPACI

CAMPO CALABRO – A Campo Calabro è di nuovo allarme topi d’appartamento. A lanciare l’Sos per «l’impressionante serie di furti delle ultime settimane in svariate abitazioni» è l’amministrazione ombra “Passione Civile” di Sandro Repaci. Si ripresenta così, divenendo più che mai attuale, il problema della sicurezza dei cittadini e dei loro beni. In barba alla soluzione avanzata due anni fa proprio da “Passione Civile”, che sulla scia del programma elettorale del 2012 sottoponeva all’attenzione della Giunta Idone il documento “ Paese Amico”, ovvero una proposta articolata per un un impianto di videosorveglianza. Il progetto, che è nella fase di elaborato esecutivo, proponeva l’installazione di 10 telecamere “di contesto”, sistemate nei punti strategici di attraversamento della rete viaria del comune, sia in entrata che in uscita, oltre a telecamere poste in altri nodi strategici come zone ad alta frequentazione ed edifici pubblici. Il costo, corredato da preventivi tecnici, ammontava a 90 mila euro, comprensivo di forniture di attrezzature, oneri di progettazione e messa in opera. «Una spesa – sottolinea Repaci illustrando l’opportunità dei fondi comunali – che avrebbe potuto facilmente essere riassorbita in tre esercizi economici attraverso un sistema di accantonamento di somme». Peccato che la proposta non sia stata presa minimamente in considerazione da un’amministrazione che, a detta di “Passione Civile”, «ha preferito, come al suo solito, sposando una concezione arcaica dell’amministrare, nella quale il tema della sicurezza urbana non trova posto, ripiegare su enunciazioni di principio e progetti della cui irrealizzabilità gli amministratori sono già certi, scegliendo di accendere fuochi di paglia per gettare fumo negli occhi e balbettare scuse ai cittadini». Repaci si spiega meglio ricordando che «giace, assolutamente irrealizzabile per mancanza di fondi, nel programma triennale delle opere pubbliche, l’impegno alla realizzazione di un mastodontico quanto infinanziabile impianto di videosorveglianza, con un preventivo di 290.675 euro, da realizzarsi nel 2016!». Insomma, ai cittadini non resta che affidarsi alla fortuna o alla reciproca sorveglianza delle proprie abitazioni. f.m.

Potrebbe interessarti

Villa, gli attivisti del ‘Nuvola Rossa’ alzano la voce contro la costruzione del Ponte sullo Stretto
Attualità
294 views
Attualità
294 views

Villa, gli attivisti del ‘Nuvola Rossa’ alzano la voce contro la costruzione del Ponte sullo Stretto

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

  Il CSC 'Nuvola Rossa' di Villa San Giovanni  interviene in merito al corrente dibattito sulla costruzione del Ponte sullo…

Coolap: la storia infinita dei lavoratori della psichiatria di Reggio Calabria
Uncategorized
95 views
Uncategorized
95 views

Coolap: la storia infinita dei lavoratori della psichiatria di Reggio Calabria

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

Comunicato stampa Coolap (Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano, Giuseppe Foti):  Nella tarda mattinata del 03 maggio presso la cittadella regionale di…

Parte il corso sulla “Nutraceutica del Food” all’Alberghiero di Villa San Giovanni
gastronomia
403 views
gastronomia
403 views

Parte il corso sulla “Nutraceutica del Food” all’Alberghiero di Villa San Giovanni

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

    Un percorso formativo tra laboratori e lezioni con esperti nell’ambito di AGENDA 2030 Inizia il corso sulla “Nutraceutica…