BAGNARA. Incendio nella notte: colpiti beni della famiglia De Leo

30 Aprile 2015
2605 Views

Stampa

BAGNARA CALABRA – L’ennesima notte da incubo a Bagnara Calabra ha inferto un duro colpo ai De Leo, la famiglia più nobile e illustre del luogo, nome legato a una storia industriale e imprenditoriale di successo, soprattutto nel settore agricolo. Mentre i cittadini non hanno ancora metabolizzato lo scioglimento del Comune per mafia e una lunga striscia di episodi criminosi e vandalici, le fiamme sono puntualmente tornate a divorare e violentare uno scorcio paesano interrompendo sonni già poco tranquilli e seminando panico e preoccupazione. L’ultimo rogo si è sviluppato all’1.30 circa, a cavallo tra martedì e mercoledì, ed è stato sicuramente il più vasto tra quelli recenti. Tant’è che per spegnerlo si è reso necessario l’intervento di ben tre squadre dei vigili del fuoco: Bagnara Calabra, Palmi e Villa San Giovanni. L’incendio ha prima colpito tre autovetture parcheggiate di fronte a un antico edificio sito nel quartiere di Porelli, vecchia sede di scuderie oggi adibita ad autorimessa, danneggiando poi parte dello stesso palazzo e distruggendo alcuni beni pregiati che si trovavano al suo interno: due automobili storiche, reperti, pezzi d’arredamento. Tutto della famiglia De Leo, ad eccezione di uno dei mezzi in sosta fuori che si trovava lì casualmente. Atto doloso o no, i proprietari dei beni si sono ritrovati a fare una conta dei danni di importante entità. Hanno visto andare in rovina non solo le due auto posteggiate all’esterno dell’immobile, presso la vicina abitazione di famiglia, ma anche l’antica struttura e ciò che vi era custodito. Una devastazione, insomma. Un incendio di notevole portata, che ha impegnato parecchio i pompieri pure per scongiurare il propagarsi delle fiamme alle case della zona. Sul posto, assieme a loro, sono arrivati i carabinieri della locale Stazione e della Compagnia di Villa San Giovanni che hanno immediatamente avviato l’attività d’indagine per fare luce sull’accaduto. Sebbene le cause del fatto siano in corso di accertamento e nessuna ipotesi sia da escludere, la pista dolosa e con matrice estorsiva sarebbe quella privilegiata per spiegare la natura del rogo. Un grosso supporto agli accertamenti delle forze dell’ordine potrebbe giungere dal sistema di videosorveglianza in funzione nell’area. f.m.

Potrebbe interessarti

Villa, gli attivisti del ‘Nuvola Rossa’ alzano la voce contro la costruzione del Ponte sullo Stretto
Attualità
293 views
Attualità
293 views

Villa, gli attivisti del ‘Nuvola Rossa’ alzano la voce contro la costruzione del Ponte sullo Stretto

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

  Il CSC 'Nuvola Rossa' di Villa San Giovanni  interviene in merito al corrente dibattito sulla costruzione del Ponte sullo…

Coolap: la storia infinita dei lavoratori della psichiatria di Reggio Calabria
Uncategorized
95 views
Uncategorized
95 views

Coolap: la storia infinita dei lavoratori della psichiatria di Reggio Calabria

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

Comunicato stampa Coolap (Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano, Giuseppe Foti):  Nella tarda mattinata del 03 maggio presso la cittadella regionale di…

Parte il corso sulla “Nutraceutica del Food” all’Alberghiero di Villa San Giovanni
gastronomia
403 views
gastronomia
403 views

Parte il corso sulla “Nutraceutica del Food” all’Alberghiero di Villa San Giovanni

Francesca Meduri - 5 Maggio 2021

    Un percorso formativo tra laboratori e lezioni con esperti nell’ambito di AGENDA 2030 Inizia il corso sulla “Nutraceutica…