Villa, scivolone del Comune: spente segnalazioni e critiche social

22 Agosto 2023
1782 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – Fa discutere e non poco l’avviso (scaricalo qui Prot_Par 0023416 del 21-08-2023 – Documento Comunicazione LL.PP.) pubblicato ieri sul sito istituzionale del Comune di Villa San Giovanni a firma del responsabile del settore lavori pubblici, qualità urbana e ambientale, Salvatore Foti. Più che una comunicazione di servizio istituzionale diretta a ricordare ai cittadini i contatti ufficiali dell’ufficio tecnico per far presenti segnalazioni e problemi, l’atto in questione sembra infatti un vero e proprio monito, rimprovero nei confronti dei cittadini che postano segnalazioni, lamentele e critiche sui social, come peraltro fanno i cittadini di tutti i comuni d’Italia e del mondo. Tra le altre cose si legge che «i luoghi preposti alle discussioni di argomenti e all’argomentazione di tutto quanto relativo alle necessità del territorio, rimangono sempre gli uffici comunali, nei quali si garantisce l’ingresso e l’accoglienza in ambienti all’uopo predisposti e attrezzati». Ma perché? Per caso è vietato discutere dei problemi villesi fuori dai palazzi municipali? E poi, fermo restando che il responsabile di un settore comunale non può stare dietro h24 ai messaggi postati sui social, perché disconoscere Facebook&Co come canali per prendere in considerazione la voce della comunità? È chiaro che qualcosa sfuggirebbe, ma questo succede anche quando il cittadino va a segnalare di persona al Comune o manda email, pec e messaggi, tra lunghe attese e risposte che non arrivano mai. E ancora, considerando che pure l’amministrazione comunale del sindaco Giusy Caminiti comunica attraverso una pagina Facebook, con l’avviso di ieri l’architetto Foti rinnega e disconosce anche i vari avvisi e comunicati in materia di lavori pubblici, qualità urbana e ambientale postati dall’amministrazione stessa? E, a questo punto, nemmeno i cittadini dovrebbero prendere in considerazione tali avvisi e comunicati?

Al di là di tutto, però, sono i modi, i toni utilizzati ad apparire fuori luogo, quando sarebbe stato sufficiente fare una comunicazione semplice e senza commenti di sorta. La chiara impressione che offre l’avviso è quella di un responsabile di settore palesemente infastidito e che si lascia andare un po’ troppo ad analisi – per certi versi politiche, da chi politico in questo caso non è – che non gli competono nel momento in cui va a siglare un avviso di “pubblica utilità”. Ma l’architetto Foti ha dato il meglio di sé, si fa per dire ovviamente, nella chiusa dell’avviso: «Si confida nella comprensione e nella collaborazione di tutti e/o comunque di quanti vogliono spendersi per migliorare quotidianamente e costantemente la Città di Villa San Giovanni, evitando polemiche sterili, intellettualmente e culturalmente vuote». E lui – seppur dall’alto del ruolo che riveste – chi è per giudicare, decretare se e quando le polemiche – ammesso che si tratti solo di polemiche – siano sterili, intellettualmente e culturalmente vuote? E sa, l’architetto Foti, che un cittadino è libero anche di fare polemica, chiaramente assumendosi la responsabilità di ciò che riporta? E lo sa che, spesso e volentieri, chi fa polemica c’azzecca e si rivela utile se non provvidenziale?  Poi è ovvio che ci sono dei limiti legati alla buona educazione e al rispetto verso gli altri che ogni persona civile e perbene non dovrebbe mai oltrepassare, ma non è una comunicazione pubblica di sportello la “sede” deputata a frenare gli animi inferociti – a volte giustamente, altre magari un po’ meno – dei cittadini.

 

 

Insomma, la comunicazione dell’architetto Foti sembra un’autentica caduta di stile, proprio a causa di passaggi che mal si addicono all’importante funzione che ricopre all’interno della casa comunale.

 

 

Il tutto con l’avallo dell’amministrazione Caminiti, che dopo la pubblicazione dell’avviso sul sito istituzionale e le prime contestazioni social ha pensato “bene” di divulgare un comunicato stampa sull’iniziativa del professionista dell’ufficio tecnico. Ecco cosa hanno scritto il sindaco, la giunta e il gruppo consiliare “Città in Movimento”: «Uno degli obiettivi principali di quest’amministrazione comunale è, senza dubbio, la riorganizzazione degli uffici per offrire servizi sempre più efficienti alla collettività. Abbiamo ereditato una situazione difficile, con poco personale e scarsa organizzazione dei settori che spesso finisce per rallentare le risposte all’utenza. Proprio in quest’ottica abbiamo iniziato da tempo ad attuare diversi correttivi e stiamo lavorando per efficientare anche con l’ausilio delle nuove tecnologie i diversi vari settori. Uno dei settori cui la cittadinanza si rivolge con più frequenza è senz’altro quello tecnico: sono tantissime le segnalazioni e le richieste di intervento che quotidianamente pervengono all’ufficio. Per migliorare il rapporto con l’utenza il responsabile del settore lavori pubblici e qualità ambientale Arch. Salvatore Foti ha emanato un avviso dove esplicita in maniera chiara le varie modalità per interagire con il settore (mail, pec, numeri utili), mettendo a disposizione anche il proprio numero personale a quanti hanno bisogno di comunicare per segnalare criticità o disfunzioni. Sarà disponibile a breve un app che possa essere strumento efficace per entrare in relazione con il settore e segnalare in tempo reale guasti o problemi che si verificano sul territorio comunale. Siamo coscienti che il lavoro da fare è ancora tanto, ma lo facciamo con spirito di servizio per la comunità, quella stessa che 14 mesi ci ha dato fiducia e ogni giorno continua ad incitarci e sostenerci per realizzare, tutti insieme, un vero cambiamento per la nostra città».

 

 

 

Tutti insieme, certo. Purché «si evitino polemiche sterili, intellettualmente e culturalmente vuote». Per farla breve, dall’avviso incriminato sembrerebbe emergere il tentativo di mettere il bavaglio a chi, ripetutamente, segnala, critica ed esprime liberamente la propria opinione. Uno scivolone a cui si potrebbe rimediare solo con la revoca e quindi con la correzione dell’avviso. Grosso modo come chiede il Pd locale:«Il ruolo tecnico e quello politico. A chi spetta consolidare i rapporti tra tessuto cittadino e macchina amministrativa? A chi spetta individuare i luoghi pubblici per discutere con i cittadini di problematiche e emergenze? A chi spetta interloquire fattivamente con coloro che vogliono spendersi – anche avanzando critiche – per migliorare Villa ? A chi spetta legittimare o meno – attraverso l’uso consono e appropriato – i social media? A chi spetta censurare la libertà di parola? A chi spetta valutare la vacuità culturale o la sterilità delle segnalazioni degli utenti? Questo comunicato è un errore, nei contenuti e nella forma. Va ritirato». (Francesca Meduri)

Potrebbe interessarti

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario
Attualità
117 views
Attualità
117 views

San Roberto, Comune costretto al piano di riequilibrio finanziario

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

SAN ROBERTO - Il Consiglio Comunale di lunedì scorso, tenutosi a San Roberto, ha approvato il rendiconto di gestione e…

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»
Attualità
256 views
Attualità
256 views

Ponte, il Comitato Titengostretto: «Elevato rischio per la salute dai cantieri»

Francesca Meduri - 21 Maggio 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Dopo la manifestazione del 18 maggio contro il Ponte sullo Stretto arrivano le considerazioni del Comitato…

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti
Attualità
605 views
Attualità
605 views

Villa, l’urlo dei “No Ponte” in corteo: «Lo Stretto non si tocca!». Contestata la sindaca Caminiti

Francesca Meduri - 19 Maggio 2024

di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI - «Calabria e Sicilia unite nella lotta, lo Stretto di Messina non si tocca!».…