Servizio idrico a Villa, l’amministrazione Caminiti chiude col passato: «Basta soldi ai privati sulle spalle dei cittadini»

5 Febbraio 2023
493 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – «La rete idrica della nostra Città è come un malato con una grave emorragia e più acqua immettiamo più ne perdiamo nel sottosuolo! Ecco perché la  riattivazione della quarta pompa non è la soluzione al problema e, di fatto, costituisce un azzardo economico inutile. La nostra rete idrica non è integra ed efficientata, nonostante le promesse dell’ormai lontano 2015. Oggi l’acqua che arriva in Città è sufficiente al fabbisogno di 20mila abitanti e Villa ne conta il 25% in meno».

È un duro affondo contro la gestione politico-amministrativa degli ultimi 10 anni, e in particolare contro quella targata Antonio Messina (2015-2016), quello sferrato dall’amministrazione Caminiti in tema di servizio idrico.

La gravità della situazione è stata confermata giovedì scorso  durante una lunga riunione operativa coordinata dall’assessore al ramo Ruggero Marra, alla presenza dei dirigenti del settore tecnico arch. Foti ed ing. Albanese e del geom. Sergi, dei tecnici della Sorical. 

Sindaco, giunta e gruppo consiliare “Città in movimento” stigmatizzano il vecchio modus operandi e rivendicando con orgoglio l’attivtà portata avanti in questi mesi: «Il mancato efficientamento della rete per quasi un decennio senza che alcun tratto sia stato sostituito se non nel mese di dicembre scorso; le riparazioni su riparazioni che hanno aumentato i costi per l’ente ma non hanno risolto i problemi atavici; la mancanza di scelte risolutive nel lungo periodo ha inevitabilmente portato la Città a subire oggi un disagio idrico importante. In questi mesi vi abbiamo chiesto scusa per il disagio e abbiamo confidato nella vostra pazienza; vi abbiamo chiesto di comprendere la natura e le cause dei disservizi; abbiamo invocato senso di responsabilità e questa Comunità, al di là di pochissime eccezioni, ha dato fiducia e non ha inteso strumentalizzare un problema che mette a dura prova ciascuno di noi. Ma soprattutto in questi mesi abbiamo lavorato su due obiettivi : migliorare l’esistente e programmare il futuro. Il Cis acqua 2022, infatti, se finanziato, ci permetterà di sostituire una rete idrica vetusta e malandata e risolvere definitivamente il problema. Nell’immediato, poi, abbiamo fatto scelte decise e coraggiose, come quella di chiudere la quarta pompa già a settembre scorso, per non gravare sulle casse già malandate dell’ente e conseguentemente sulle tasche dei contribuenti che pagano il massimo per i tributi comunali. Noi non vogliamo né percorrere scorciatoie né trovare soluzioni tampone che prendono in giro la comunità senza venire a capo del problema». 

E ancora: «La risoluzione con Telereading (decisione politica che ha fondamento giuridico con implicazioni di non poca importanza, ma anche fondamento tecnico rilevante) vuole tagliare in maniera netta con la gestione del passato, completamente fallimentare come dimostrano i fatti del presente! Con questa decisione abbiamo “ridestinato” risorse economiche importanti per l’ente, utilizzandole per cambiare interi tratti di condotta, evitando la prassi datata di un dispendio economico folle. Abbiamo messo in piedi una squadra idrica composta dai nostri operai, che da mesi stanno lavorando per intercettare e riparare le dispersioni e si sono ridotte notevolmente le perdite in superficie; combattiamo con quelle occulte e silenti. Siamo riusciti in soli 180 giorni a dotarci di un sistema di elettrovalvole di proprietà comunale che ci permette di monitorare l’andamento dei serbatoi e di procedere da remoto, quando necessario, con le aperture e le chiusure. Questo ha permesso di effettuare le chiusure in orari notturni e non più serali, riducendo i disagi di tutti noi, consentendo altresì di risparmiare sulle reperibilità, cosa di non poco conto per un comune in dissesto. Così come stiamo anticipando le aperture alle prime luci dell’alba per andare incontro alle esigenze di chi, al mattino presto, ha bisogno di un bene primario come l’acqua. Vogliamo chiarire che le chiusure si stanno rendendo necessarie solo su alcuni serbatoi e per pochissimi giorni a settimana. Nonostante ciò, stiamo continuando a lavorare a step con una programmazione che mira a ridurre al minimo i disagi per la nostra comunità. In questi mesi abbiamo ridotto i costi del servizio e abbiamo provato a migliorarlo; nelle prossime settimane grazie ad interventi mirati sulla rete, coadiuvati anche dai tecnici di Sorical, proveremo a superare altre criticità che i nostri uffici hanno individuato». 

E intanto si pensa già alla prossima estate, continuando a lavorare e a programmare per un servizio sempre più efficiente: «Stiamo lavorando per non farci trovare impreparati per la stagione estiva, con degli accorgimenti che miglioreranno il servizio e diminuiranno gli sprechi.  E ancora, stiamo studiando come utilizzare i pozzi presenti in città, che negli anni sono stati trascurati o, peggio ancora, sottratti alle esigenze della nostra comunità, cosi come stiamo valutando di dotarci di nuovi pozzi di proprietà comunale. Vogliamo che Villa San Giovanni abbia servizi di qualità per noi cittadini, evitando di sprecare risorse e ingrassare le tasche di privati che cercano di fare utili facili sulle spalle di noi villesi.Dalla prossima settimana ricominceremo con una campagna mirata di ricerca perdite.  Oggi chiusure notturne a intermittenza, ma se tutti gli interventi in essere daranno buon frutto, presto solo riduzioni di portata e sempre più diradate. Nel prossimo consiglio comunale approfondiremo con una discussione ad hoc tutte le criticità, gli effetti di ogni scelta del passato e del presente, perché la Città ha diritto di discernere e giudicare l’operato dei suoi amministratori». 

Potrebbe interessarti

Villa, dopo le Europee Forza Italia rilancia il proprio impegno per la città
Attualità
142 views
Attualità
142 views

Villa, dopo le Europee Forza Italia rilancia il proprio impegno per la città

Francesca Meduri - 17 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Il coordinatore Daniele Siclari ed il vice coordinatore vicario Domenico De Marco, il gruppo consiliare di…

Villa, De Marco (Fi) denuncia le condizioni dei parchi pubblici e la penuria d’acqua
Attualità
133 views
Attualità
133 views

Villa, De Marco (Fi) denuncia le condizioni dei parchi pubblici e la penuria d’acqua

Francesca Meduri - 17 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI – Il consigliere comunale di Forza Italia Domenico De Marco denuncia le condizioni dei parchi pubblici: «Abbiamo…

Villa, fiamme nel cantiere di Piazza Repubbliche Marinare: indaga la Polizia
Uncategorized
505 views
Uncategorized
505 views

Villa, fiamme nel cantiere di Piazza Repubbliche Marinare: indaga la Polizia

Francesca Meduri - 16 Giugno 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Un rogo ha interessato l'area di cantiere della Piazza delle Repubbliche Marinare, a Pezzo, dove sono…