SANTO STEFANO. Danneggiamento stele “Fa.Bo.Sco.”, la gente risponde con una fiaccolata: «Non siamo un paese di mafiosi»

11 Ottobre 2015
662 Views

Stampa

SANTO STEFANO IN ASPROMONTE – «Santo Stefano non è un paese di mafiosi». E’ stato questo il messaggio forte lanciato durante la fiaccolata organizzata in risposta alla distruzione della stele dedicata ai giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Antonino Scopelliti, inaugurata il 23 maggio scorso dall’allora amministrazione comunale che oggi è rappresentata dal gruppo di minoranza “Insieme artefici del nostro futuro”.
Come per molti piccoli, medi e grandi centri della provincia reggina, della Calabria, d’Italia e non solo, è provato che anche Santo Stefano non è immune dalla penetrazione criminale. Ma è pur vero che non si può fare di tutta l’erba un fascio, e spesso sono proprio le piccole realtà quelle maggiormente portatrici di persone perbene e valori positivi.
Per questo l’Associazione Aspromonte in Movimento ha voluto promuovere una fiaccolata per le vie paesane, rigettando a gran voce alcune dichiarazioni seguite alla notizia del danneggiamento del monumento. Affermazioni che, in buona sostanza, hanno dipinto Santo Stefano come un luogo dominato dal male, dalla mentalità mafiosa e quant’altro.
«E’ stata una splendida manifestazione di popolo, una fiaccolata – raccontano i membri del sodalizio – che ha reso giustizia al nome del nostro paese e alla memoria dei magistrati uccisi dalla mafia. Santo Stefano non è un paese di mafiosi. L’attentato alla stele dedicata ai Magistrati è un episodio che condanniamo con fermezza. Ma la mano oscura che ha agito nella notte non infangherà il nome di Santo Stefano né quello dell’amministrazione comunale che fin dal sul suo insediamento ha dimostrato di lavorare con correttezza, trasparenza per il bene della comunità. Non ci hanno convinto – proseguono – le uscite pubbliche di chi ha tentato di collegare l’episodio della stele ad un presunto ”strano clima” che si respirerebbe nella nostra cittadina o addirittura alla querelle tra l’amministrazione comunale e la comunità Exodus (per la questione del mancato pagamento del canone di affitto dei locali usati da Exodus, ndr), tanto da arrivare perfino alla richiesta di ”verifica del risultato elettorale” avanzata dalla Presidente del Coordinamento Antimafia Riferimenti. Chi questo paese lo vive e lo ama sa che è fatto di persone perbene, di lavoratori onesti. La fiaccolata lo dimostra. Abbiamo affermato con forza la contrarietà dei cittadini di Santo Stefano a tutte le organizzazioni criminali. La battaglia contro le mafie – concludono – passa anzitutto dalla coscienza civica e dalla partecipazione popolare, che quest’amministrazione ha risvegliato in tutta la popolazione di Santo Stefano ».
La fiaccolata, dunque, ha visto in prima linea pure il sindaco Francesco Malara, che alla querela rivoltagli da Adriana Musella risponde con la stessa moneta: «Ho esposto all’Autorità Giudiziaria il danno provocato dalle allusioni assolutamente non pertinenti e non veritiere della signora. La migliore risposta alle varie insinuazioni è quella data dai miei concittadini, che hanno dato un esempio di profonda serenità e di elevata civiltà, ed a me personalmente di confermata stima e di immenso affetto. Ciò a me basta».
Mentre si schiera con la Musella Sonia Romeo, leader del gruppo “Insieme artefici del nostro futuro” ed ex candidata a sindaco: «Desidero esprimere solidarietà piena alla signora Adriana Musella, a seguito dell’insensibile quanto gratuito ed infelice attacco personale propinato dal sindaco di Santo Stefano. Il suo esempio di vita personale e la sua opera sono fonte di energia positiva e pulita per me, la mia famiglia, le mie idee». fra.me.

Potrebbe interessarti

Villa, in fiamme il quadro elettrico di Torre Telegrafo
Cronaca
241 views
Cronaca
241 views

Villa, in fiamme il quadro elettrico di Torre Telegrafo

Francesca Meduri - 21 Febbraio 2024

VILLA SAN GIOVANNI - In fiamme il quadro elettrico della pubblica illuminazione di Torre Telegrafo. Lo ha annunciato poco fa…

Raccolta rifiuti a Villa, nuova protesta sindacale: per due giorni solo servizi essenziali
Attualità
182 views
Attualità
182 views

Raccolta rifiuti a Villa, nuova protesta sindacale: per due giorni solo servizi essenziali

Francesca Meduri - 21 Febbraio 2024

VILLA SAN GIOVANNI - Possibili disservizi nella raccolta dei rifiuti sono attesi per le giornate di giovedì 22 e venerdì…

Poliambulatorio Asp Villa, “Nuvola Rossa” conferma l’allarme e annuncia l’ennesimo scippo
Attualità
129 views
Attualità
129 views

Poliambulatorio Asp Villa, “Nuvola Rossa” conferma l’allarme e annuncia l’ennesimo scippo

Francesca Meduri - 21 Febbraio 2024

«Nei giorni scorsi la stampa locale ha richiamato l’attenzione sulle criticità perduranti del poliambulatorio di Villa San Giovanni, fondamentale presidio…