Casa della Salute di Scilla, il Comune fa causa all’Asp: delibera del commissario Surace

23 Novembre 2022
358 Views
Stampa

SCILLA – Il Comune di Scilla vuole fare causa all’Asp per la vicenda della chiusura della Casa della salute. Il commissario straordinario di Palazzo San Rocco Antonia Maria Grazia Surace ha infatti deliberato «di proporre opposizione, presso i competenti organi giudiziari, avverso il provvedimento adottato dal commissario straordinario dell’Asp lo scorso 21 settembre, mediante il quale è stata disposta la cessazione delle azioni sanitarie erogate presso le strutture destinate a Casa della salute di Scilla, denominate “nuovo ospedale”».

Le mancate risposte dell’Azienda sanitaria provinciale

Il commissario Surace ha altresì nominato quale difensore dell’Ente l’avvocato Natale Polimeni, del Foro di Reggio Calabria, già individuato quale avvocato unico del Comune di Scilla a seguito di procedimento ad evidenza pubblica e già incaricato, lo scorso 20 aprile dall’allora sindaco Pasqualino Ciccone, allo svolgimento di una valutazione dei risvolti e rilievi in materia penale civile ed amministrativa relativi alla gestione della Casa della salute. Lo stesso legale, di fronte alle mancate risposte dell’Asp alle sue richieste di accesso agli atti per l’acquisizione della documentazione completa, ha evidenziato in una nota al Comune, risalente a due giorni fa, «che sussistono valide ragioni per la proposizione di un giudizio di opposizione» avverso il provvedimento di cessazione delle attività del “nuovo ospedale”.

Grave vulnus agli interessi della collettività locale

È così arrivata, puntualissima, giorno 21 novembre appunto, la delibera con cui il commissario Surace, con i poteri della giunta comunale, ha di fatto dato il via libera a una vertenza giudiziaria contro l’Asp. Decisione presa sulla scorta «dell’inderogabile necessità che – nelle more dell’eventuale individuazione di soluzioni concordate tra gli enti competenti al fine di non privare i cittadini di livelli essenziali delle prestazioni sanitarie costituzionalmente garantite – il provvedimento adottato dal commissario straordinario dell’Asp – recita l’atto approvato dall’amministrazione scillese – non assuma carattere giuridico di definitività, con il conseguente, potenziale, grave vulnus agli interessi della collettività locale, da questo Comune istituzionalmente rappresentati».

Francesca Meduri (Il Quotidiano del Sud 23 novembre 2022)

Potrebbe interessarti

Ponte sullo Stretto, il Comune di Villa rivendica l’inserimento nel gruppo di lavoro: «Salvini venga qui e capirà»
Attualità
137 views
Attualità
137 views

Ponte sullo Stretto, il Comune di Villa rivendica l’inserimento nel gruppo di lavoro: «Salvini venga qui e capirà»

Francesca Meduri - 4 Dicembre 2022

VILLA SAN GIOVANNI - «Il ministro Salvini venga a Villa San Giovanni e capirà subito che è assoluta miopia aver…

Maremoto a Stromboli, onda di tsunami arriva in Calabria: nessun disagio ma resta alta l’attenzione
Attualità
215 views
Attualità
215 views

Maremoto a Stromboli, onda di tsunami arriva in Calabria: nessun disagio ma resta alta l’attenzione

Francesca Meduri - 4 Dicembre 2022

Un maremoto si è verificato nel pomeriggio di oggi al largo dell’isola di Stromboli causando un’onda di tsunami di un metro e mezzo…

Villa, nuovo avviso pubblico per nomina garante comunale disabili. Tutte le info
Attualità
235 views
Attualità
235 views

Villa, nuovo avviso pubblico per nomina garante comunale disabili. Tutte le info

Francesca Meduri - 3 Dicembre 2022

VILLA SAN GIOVANNI – Nella Giornata internazionale delle persone con disabilità, oggi, il Comune di Villa San Giovanni ri (pubblica)…