VILLA. Area di sosta di via Mazzini, raccolta firme indirizzata al commissario Oteri

25 Maggio 2022
309 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – «In data 20 maggio scorso, i residenti del “quartiere Immacolata”, insieme a cittadini che hanno supportato e sostenuto questa battaglia, hanno inviato tramite posta elettronica certificata una raccolta di firme, diretta al Commissario Prefettizio del Comune di Villa San Giovanni, chiedendo l’assunzione di provvedimenti conseguenti in ordine al mancato realizzo dell’Area di Sosta di via Mazzini». A darne notizia, in un comunicato stampa con allegata la raccolta di 100 firme, è il Comitato Quartiere Immacolata.

«La vicenda, com’è ormai noto, – ricorda il Comitato Quartiere Immacolata – nasce dal disagio, che dura ormai da oltre 50 anni, di liberare l’area del quartiere Immacolata, a causa dei veicoli parcheggiati dai pendolari, che raggiungono i vicini imbarcaderi e ha e sta determinando situazioni di conflitto sempre più gravi con i residenti.

L’individuazione dell’area da destinare a parcheggio multimodale, risale al 2003 e avrebbe risolto anche il problema dell’allocazione del mercato settimanale, attualmente relegato a Cannitello.

Nonostante il Consiglio Comunale nel 2007 abbia dichiarato l’opera di Pubblica Utilità e in quella sede deliberata l’approvazione del progetto definitivo, sino ad oggi non vi è stata alcuna manifestazione di reale interesse da parte di chi ha amministrato in questi anni.

Proprio nel mentre l’Amministrazione in carica, nel 2020, ha manifestato l’intenzione di avviare – per palesi problemi di bilancio che oggi si sono manifestati ampiamente – un sistema di sosta a pagamento lungo le arterie cittadine, il pressing di alcuni costrinse l’amministrazione a riportare alla luce il progetto e venne data un’accelerazione alla definizione della questione.

A settembre 2021, in seguito ad un pubblico incontro tenuto presso la Piazzetta Sant’Arte del rione Immacolata, alla presenza della Sindaca FF e del tecnico comunale, Arch. Bruno Doldo, venne data notizia – ricorda ancora il Comitato di residenti – che il cantiere sarebbe stato consegnato nell’arco di 10 giorni e l’opera consegnata alla città entro 180 giorni.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti! Con l’aggravante che i residenti in primis, i pendolari e la stessa città, hanno dovuto subire pure l’umiliazione del dileggio da parte di chi, dovrebbe avere ben chiaro che la soddisfazione degli interessi comuni è il fine unico del proprio mandato.

La risposta del quartiere e della città non si è fatta attendere e dopo le risposte formali fornite dagli organi preposti e di fronte ad un fatto così grave, in pochissimi giorni è stato dato avvio ad una raccolta firme, con la finalità di chiedere conto e ragione di comportamenti certamente deprecabili.

Con lo spirito, la voglia e la passione di creare Comunità ricercando tutte le strade che possano portare alla solidarietà ed alla integrazione, avevamo trovato una soluzione che evitasse i conflitti tra utenti e residenti, in modo tale – conclude il Comitato Quartiere Immacolata – da non far pagare a nessuno i costi dell’immobilismo amministrativo. Adesso è ora che ciascuno si assuma le proprie responsabilità».  

                                                                                        

Potrebbe interessarti

Villa, ecco la Giunta Caminiti e le deleghe ai consiglieri e ai non eletti. Trecroci presidente del Consiglio
Attualità
802 views
Attualità
802 views

Villa, ecco la Giunta Caminiti e le deleghe ai consiglieri e ai non eletti. Trecroci presidente del Consiglio

Francesca Meduri - 1 Luglio 2022

VILLA SAN GIOVANNI – La squadra di governo di Giusy Caminiti è pronta. Compiti e deleghe sono stati assegnati a…

Covid-19, l’esperto: «Avremo un ottobre terribile»
Attualità
216 views
Attualità
216 views

Covid-19, l’esperto: «Avremo un ottobre terribile»

Francesca Meduri - 30 Giugno 2022

Covid-19, che autunno ci aspetta? Non sono proprio previsioni ottimistiche quelle che giungono dal 25esimo Congresso nazionale del sindacato dei…

Reggio, uffici giudiziari ancora nella morsa del caldo. Uilpa: «Dipendenti mortificati»
Attualità
106 views
Attualità
106 views

Reggio, uffici giudiziari ancora nella morsa del caldo. Uilpa: «Dipendenti mortificati»

Francesca Meduri - 30 Giugno 2022

«Sono passati dieci mesi dall’ultimo incontro tenutosi presso la Prefettura di Reggio Calabria e a oggi nulla di fatto». Così…