Elezioni a Villa, l’accorato appello di Totò Calabrò: «Abbiamo tutti il dovere di fare scelte coraggiose»

7 Maggio 2022
793 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – È Cosimo Antonio Calabrò l’unico dei 5 ex sindaci di “LabVilla2022” a rompere il silenzio calato tra di loro dopo le divergenze che, di fatto, hanno fatto saltare il tavolo della discussione che era stata avviata. E lo fa con un intervento in cui la parola d’ordine è “coraggio”, elemento imprescindibile affinché le cose possano davvero cambiare. Un appello accorato, quello di Calabrò, a una settimana esatta dalla presentazione delle liste elettorali che si contenderanno la guida della città di Villa San Giovanni.

«È, questo, un appello – esordisce Calabrò- che nasce dal sentimento di attaccamento a questa terra, un appello che rivolgo ai cittadini, al mondo ecclesiastico, delle associazioni, affinché gli elettori vivano le elezioni del 12 giugno come un momento coraggioso, decisivo, vitale per il futuro della nostra Comunità che è chiamata non a scegliere un Sindaco, ma a scrivere una storia nuova e diversa per la nostra Città.

Chi si sta affannando, nella confusa e ormai imminente messa a punto delle liste elettorali, con fughe in avanti e personalismi, non è interessato a costruire un rapporto dialogico e di fiducia con la città e finirà per logorare irrimediabilmente il rapporto con i cittadini stanchi di vivere il degrado economico, amministrativo e culturale e finirà con lo svilire e banalizzare il più impegnativo dei valori della Democrazia Costituzionale, quello della Rappresentanza.

Con questi sentimenti – ribadisce l’ex sindaco –  ho speso il mio nome nell’iniziativa degli ex amministratori, per contribuire a dare alla città una figura che avesse già le qualità per conquistare, giorno per giorno, l’autorevolezza necessaria a rappresentare e difendere la comunità.

Avevamo tutti e forse ancora abbiamo, il dovere ma anche l’assoluta necessità, di fare scelte coraggiose – sprona Calabrò – che intendano rinnovare i contenuti ed i metodi della politica; che sappiano trasmettere entusiasmo necessario per rendere finalmente compiuta la Comunità.

Siamo in un passaggio delicato della Storia di Villa San Giovanni; le recenti vicende hanno creato disorientamento, sfiducia, depressione. Il dissesto finanziario del Comune imporrà scelte difficili, impopolari ed il contesto socioeconomico generale rischia di far diventare la situazione pesante e drammatica. Saranno anni in cui scelte coraggiose e giuste permetteranno una ricostruzione morale civile ed economica della Città, mentre il perseverare nella cultura dei piccoli favori e dei privilegi, nei metodi sbagliati generati da una visione mediocre del bene comune, aumenterà il disagio ed il danno che i cittadini saranno chiamati a pagare.

Ci troviamo, quindi, di fronte una situazione difficile e complessa, per superare la quale – aggiunge – è necessario che ciascuno rinunci a qualcosa e abbiamo bisogno di farlo tutti insieme per giungere a quella necessaria riconciliazione tra la politica dell’amministrare e la Comunità. Bisogna essere consapevoli che una classe dirigente non si improvvisa, non s’inventa, non rappresenta la sommatoria di precedenti esperienze amministrative, non si eredita ma si forgia sulla competenza e sulla capacità di ascoltare e dialogare con il linguaggio della verità e senza lasciare indietro nessuno.

Voglio continuare a credere che una città bella, vivibile, solidale sia ancora possibile. Ci credo perché sono convinto che occorra fare tesoro degli errori del passato e costruire insieme un futuro per le nuove generazioni cui dobbiamo lasciare un mondo migliore di come lo abbiamo trovato, intanto cominciando ad abbandonare l’uso del pronome personale “io” con il più democratico e socializzante “noi”.

Sento il bisogno, per questo, di fare un appello soprattutto a chi, giustamente, ha inteso sottrarsi alle discrasie di un sistema politico per continuare ad essere libero.

L’invito, quindi, è a fare uno sforzo – conclude Calabrò – per superare ogni ritrosia, liberarsi da ogni vincolo e dalle faziosità, recuperare l’entusiasmo e lo spirito comunitario, sollecitando orgoglio, responsabilità e senso di appartenenza alla Comunità Villese».

Potrebbe interessarti

VILLA. L’amministrazione: «Sulla spiaggia dietro la stazione acqua stagnante e non fogna»
Comunicati stampa
33 views
Comunicati stampa
33 views

VILLA. L’amministrazione: «Sulla spiaggia dietro la stazione acqua stagnante e non fogna»

Francesca Meduri - 19 Agosto 2022

VILLA SAN GIOVANNI - «In riferimento a diversi articoli di questi giorni riportanti la segnalazione da parte di un cittadino…

Incendi boschivi nel Reggino, denunciati un imprenditore agricolo e un ragazzo
Attualità
73 views
Attualità
73 views

Incendi boschivi nel Reggino, denunciati un imprenditore agricolo e un ragazzo

Francesca Meduri - 19 Agosto 2022

Anche quest’anno i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, allo scopo di arginare il dilagante fenomeno degli incendi boschivi, sempre più…

Emergenza idrica a Villa, le proposte di IdV: «Autobotti, riduzione canone, rimborso spese»
Attualità
128 views
Attualità
128 views

Emergenza idrica a Villa, le proposte di IdV: «Autobotti, riduzione canone, rimborso spese»

Francesca Meduri - 19 Agosto 2022

VILLA SAN GIOVANNI - «Non può essere addebitato ad alcuno e tantomeno all’Amministrazione in carica, l’evento a seguito del quale…