Tari, “Primavera Campese” boccia la giunta Repaci: «Ennesima occasione persa»

6 Giugno 2021
329 Views
Stampa

Campo Calabro- «Le famiglie e le attività economiche di Campo Calabro stanno ricevendo in queste ultime settimane il fardello della TA.RI 2020. Tutto confermato, nessuna agevolazione per i ceti sociali più deboli, nessun tipo di riduzione per le attività economiche – anche minima –  rispetto a periodi di chiusura o restrizione cagionati da un’emergenza Covid-19 che ha messo in ginocchio i tanti operatori del nostro territorio». È quanto segnala in un comunicato stampa il movimento “Primavera Campese”.

«Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale del 31 Maggio scorso, l’Amministrazione Comunale – ricorda il movimento politico –  ha approvato il Piano Finanziario TA.RI., confermando un ulteriore e gravoso aumento  della Tassa sui Rifiuti anche per il 2021 (oltre 34.000 euro in più).

In Consiglio Comunale la consigliera Alessandra Calandruccio, con atteggiamento responsabile, aveva già proposto a Dicembre 2020 – in sede di approvazione delle tariffe 2020 – la previsione di specifiche agevolazioni per le categorie maggiormente colpite dall’emergenza epidemiologica, quali appunto le utenze commerciali soggette a restrizioni e le fasce sociali più deboli.

Tale facoltà – prevista dalla Delibera ARERA n. 158/2020 – sarebbe stata possibile senza alcun “spostamento di carico tributario” ma semplicemente – spiega “Primavera Campese”  –  utilizzando le risorse del fondo funzioni fondamentali attribuite a tale scopo nel corso del 2020, pari a quasi 40.000 euro».

E ancora: «Sulla base di questi ragionamenti, per cercare di alleviare quanto meno per il 2021 il carico tributario delle numerose famiglie e delle attività commerciali in difficoltà la Consigliera Calandruccio, facendosi carico delle numerose istanze pervenute al Movimento Primavera Campese, aveva chiesto, nella seduta del 31 maggio, il rinvio del punto all’ordine del giorno, in modo tale da poter definire assieme le opportune variazioni del regolamento e le specifiche riduzioni che si sarebbero potute finanziare con le risorse inutilizzate del 2020 e con quelle del 2021, senza gravare in alcun modo sul resto della cittadinanza. Richiesta per altro condivisa dalla intera minoranza consiliare.

L’Amministrazione Repaci – rispetto a ciò – ha implicitamente affermato di aver preferito utilizzare le somme assegnate per ulteriori e maggiori spese connesse alla emergenza ma, a nostro avviso, sarebbe stato fortemente necessario dare un sospiro di sollievo a quelle categorie che ancora oggi stentano a ripartire dopo un anno sicuramente drammatico».

«In conclusione, respingiamo al mittente qualsiasi addebito circa ricostruzioni distorte della realtà e travisamento dei fatti: l’Amministrazione avrebbe potuto e dovuto utilizzare le somme assegnate per ridurre la tassa sui rifiuti delle categorie in difficoltà. Non lo ha fatto, preferendo probabilmente utilizzare queste risorse per altro. E’ una scelta di carattere politico ed è giusto che la cittadinanza e e le attività economiche ne possano prendere atto.

A quattro anni dall’inizio di questo mandato amministrativo nulla è ancora stato fatto sul fronte della rimodulazione della imposizione fiscale, cavallo di battaglia della precedente campagna elettorale. Sarebbe corretto – conclude il movimento “Primavera Campese” – che le promesse fatte 4 anni fa in campagna elettorale trovassero dei riscontri concreti e potessero finalmente diventare realtà: ad oggi quello che è evidente è la dilatazione di spese e l’erosione di risorse che avrebbero potuto sostenere la cittadinanza in tema di investimenti e diminuzione del carico tributario».

Potrebbe interessarti

Seminara, sbarco di migranti a Cala Janculla: messe in salvo 49 persone
Attualità
169 views
Attualità
169 views

Seminara, sbarco di migranti a Cala Janculla: messe in salvo 49 persone

Francesca Meduri - 22 Ottobre 2021

Spiaggia non raggiungibile via terra: fondamentali le operazioni di ricerca e recupero delle forze dell'ordine, coordinate dalla Prefettura di Reggio…

Comitato ordine e sicurezza a Rizziconi, Falcomatà: «Riaffermare presenza dello Stato e trasmettere vicinanza alla Piana»
Attualità
52 views
Attualità
52 views

Comitato ordine e sicurezza a Rizziconi, Falcomatà: «Riaffermare presenza dello Stato e trasmettere vicinanza alla Piana»

Francesca Meduri - 22 Ottobre 2021

    Il sindaco metropolitano ha preso parte alla riunione convocata dal prefetto Mariani insieme ai colleghi sindaci di Rizziconi,…

Il progetto “Scilla plastic free” per promuovere la cultura della sostenibilità ambientale
Ambiente e natura
150 views
Ambiente e natura
150 views

Il progetto “Scilla plastic free” per promuovere la cultura della sostenibilità ambientale

Francesca Meduri - 21 Ottobre 2021

Obiettivo "plastic free", la Città metropolitana al fianco di Scilla La Città metropolitana ha preso parte alla bella giornata di…