REGGIO C. La pandemia non ferma l’Ail: 7000 stelle di generosità 

16 Dicembre 2020
282 Views
Stampa

La pandemia non ha fermato la consueta vendita delle stelle AIL che anche quest’anno sono state le protagoniste in molti punti vendita e/o referenti della città e della provincia e sulla piattaforma Flashfood. Azienda, quest’ultima, che ha confermato la già manifestata e straordinaria sensibilità e generosità durante il primo lockdown per la campagna “Uova AIL”. La manifestazione “Stelle di Natale AIL”, conclusasi da qualche giorno, nonostante la pandemia, è stata una grande dimostrazione di generosità per i pazienti oncoematologici.

“Ancora una volta il miracolo delle stelle si è compiuto. Tutti abbiamo potuto apprezzare la bellezza della solidarietà e sentire forte il calore e l’umanità espressi dai volontari, dai referenti e dai dipendenti. A loro e ai nostri sostenitori, tutti, va un sincero ringraziamento. Hanno sfidato questo periodo difficile, permeato da incertezza, paura e prudenza, e lo hanno fatto per tutti i pazienti. Tra di loro ci sono storie di chi ce l’ha fatta e trasmette speranza, c’è chi ha perso qualcuno e che nel dolore non si arrende e continua ad aiutare. Tutte storie che si intrecciano.
Ancora una volta hanno creduto con noi che è possibile cambiare le cose, prendersi cura di chi sta vivendo un momento difficile e rendere sempre più curabili le malattie del sangue”. Commenta così Giusy Sembianza, Vicepresidente AIL sez. RC-VV “A. Neri”.
“Il gesto di regalare una stella in cambio di una donazione destinata a sostenere i nostri progetti si è rivelato ancora una volta uno straordinario momento di condivisione. Gli ammalati hanno compreso che non sono soli e che i volontari ed i cittadini sono ora più che mai al loro fianco.”
É importante continuare a sostenere la lotta dei malati oncoematologici che, in questo periodo di emergenza, sono tra i più fragili.
L’Ematologia anche grazie ad AIL, in questo particolare momento, è stata in grado di garantire la continuità assistenziale e terapeutica, ma è importante riuscire a mantenere tutto questo e fare in modo che i pazienti possano proseguire nel modo più adeguato le cure. 
I fondi raccolti, in particolare, saranno destinati ai servizi essenziali erogati dalla sezione AIL “A. Neri”: alle case AIL, all’assistenza domiciliare, alle borse di studio per sostenere la ricerca soprattutto per due borsisti dedicati alle CAR-T, innovative terapie in grado di “istruire” i linfociti T del sistema immunitario a contrastare il tumore dall’interno.

Potrebbe interessarti

Coronavirus a Villa, 3 dipendenti positivi: chiusi gli uffici comunali. E le scuole non riaprono
Uncategorized
787 views
Uncategorized
787 views

Coronavirus a Villa, 3 dipendenti positivi: chiusi gli uffici comunali. E le scuole non riaprono

Francesca Meduri - 20 Aprile 2021

VILLA SAN GIOVANNI - Salgono a 28 i casi attivi di covid-19 nella città di Villa San Giovanni. Un quadro…

REGGIO. Attivi gli ambulatori di intraomoenia al Gom
Attualità
114 views
Attualità
114 views

REGGIO. Attivi gli ambulatori di intraomoenia al Gom

Francesca Meduri - 20 Aprile 2021

  A partire da oggi sono attivi gli ambulatori di intraomoenia del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio…

Carabinieri scatenati nel Reggino: 3 rumene in manette per furto, sigilli a stalla per vendita abusiva di animali, interrotta festa di 18esimo
Comunicati stampa
349 views
Comunicati stampa
349 views

Carabinieri scatenati nel Reggino: 3 rumene in manette per furto, sigilli a stalla per vendita abusiva di animali, interrotta festa di 18esimo

Francesca Meduri - 19 Aprile 2021

    Intensi nel corso del fine settimana i servizi di controllo del territorio svolti dai Carabinieri della Compagnia di…