Bagnara, il bluff del rimpasto di giunta. Angela Randazzo paga per tutti

5 Settembre 2020
1192 Views

Stampa
di FRANCESCA MEDURI

BAGNARA CALABRA – Tanto rumore per nulla. Alla fine, il sindaco Gregorio Frosina non ce l’ha proprio fatta a imprimere una sferzata di novità, vivacità e credibilità alla sua squadra di governo. Tutto resta come prima o quasi. E l’atteso rimpasto di giunta si traduce in un bluff, con tutti gli assessori che mantengono la poltrona e le deleghe ad eccezione della sola epurata Angela Randazzo che lascia il posto a Concetta Zoccali. Sorge dunque spontaneo chiedersi il senso dell’azzeramento dell’esecutivo, di quella revoca degli assessori annunciata con la spiegazione di voler «rilanciare l’azione di governo, in termini di maggiore efficienza ed efficacia». Cosa si potrà mai rilanciare con un solo cambio? I “vecchi” assessori si daranno finalmente una mossa per risollevare le sorti del paese? È chiaro che nessuno di loro ci stava a uscire dalla giunta, e che Frosina non se l’è sentita di deluderli pena mettere ulteriormente in crisi una maggioranza già striminzita. Angela Randazzo ha pagato per tutti, l’unica vittima dei deludenti risultati fin qui raggiunti dall’amministrazione “Bagnara Bene Comune”.

Il decreto di nomina della “nuova” giunta desta non poche perplessità, e sui social pullulano commenti di malcontento e delusione.

«A seguito di un’attenta e ponderata discussione avviata all’interno del Gruppo di maggioranza, e di una condotta valutazione dell’azione politico-amministrativa sin qui posta in essere, sono state verificate le condizioni per un utile e proficuo prosieguo dell’azione di governo di questa cittadina, anche in ragione delle prodotte e concrete opportunità finanziarie, frutto della incessante attività di questa Amministrazione comunale, che porteranno nell’immediato futuro importanti realizzazioni di opere, anche del tipo infrastrutturale, utili al rilancio socio-economico di questa Comunità», si legge nel provvedimento firmato dal sindaco Frosina.

«Lo scrivente, a seguito della verificata volontà a proseguire l’azione di governo politico- amministrativo, – prosegue il decreto – ha condotto un’attenta disamina delle diverse e sostenibili ipotesi di interscambiabilità delle deleghe assessorili tra i componenti l’attuale maggioranza, tenuto conto della disponibilità e della versatilità degli stessi a ricoprire incarichi assessorili, valutato il risicato numero di componenti la medesima maggioranza, che non consente di disporre di maggiori opzioni di scelta, e scrutinata altresì la possibilità di ricorrere a figure esterne, rinvenendo al riguardo una carenza di disponibilità ad accettare gli incarichi di governo; Rilevato che a seguito di tale illustrata attività, con l’evidenziazione delle criticità riscontrate, questo Ufficio è pervenuto all’individuazione della squadra di governo che lo supporterà in questa residua parte di mandato elettivo, rinvenendo al riguardo una forte motivazione e un rinnovato entusiasmo da parte degli individuati assessori di tesaurizzare l’attività sin qui portata avanti, con la cantierizzazione delle idee progettuali, spazianti nei diversi ambiti d attività, che sono state oggetto di finanziamento da parte del governo centrale e regionale. Evidenziato che l’adozione della presente misura non ha carattere sanzionatorio, ne quale atto che viene adottato per inefficienza dell’azione di governo del singolo assessore, ma proprio in ragione delle illustrate motivazioni politiche di carattere generale evidenziate nel decreto di azzeramento della Giunta comunale, vuole essere un atto di responsabilità politica che viene assunto nell’esclusivo e preminente interesse della comunità amministrata, quale momento di auspicato rilancio dell’azione politico-amministrativa».

Una lunga e banale premessa per comunicare la nomina e la composizione della giunta:

Mario Romeo, vicesindaco e assessore Turismo e Spettacolo; Politiche Ambientali; Protezione Civile;

Silvana Ruggiero, assessore Welfare e Servizi Sociali; Pari opportunità; Personale; Associazionismo e Volontariato; Politiche sanitarie;

Felice Maceri, assessore Bilancio, Programmazione, Agricoltura, Pesca;

Francesco Oliverio, assessore Lavori Pubblici, Contenzioso, Porto;

Concetta Zoccali, assessore Pubblica Istruzione; Sport; Politiche Giovanili, Servizi Informatici.

Potrebbe interessarti

«No alla truffa del Ponte»: Usb aderisce alla manifestazione in piazza a Messina
Uncategorized
89 views
Uncategorized
89 views

«No alla truffa del Ponte»: Usb aderisce alla manifestazione in piazza a Messina

Francesca Meduri - 24 Settembre 2020

  USB aderisce alla manifestazione della Rete No Ponte e invita a scendere in piazza il 26 settembre a Messina…

Elezioni Scilla, le donne fanno incetta di voti. Ecco il nuovo consiglio comunale targato Ciccone
Attualità
999 views
Attualità
999 views

Elezioni Scilla, le donne fanno incetta di voti. Ecco il nuovo consiglio comunale targato Ciccone

Francesca Meduri - 23 Settembre 2020

PASQUALINO Ciccone stravince: la sua lista “Scilla riparte” vola col 97,84% (2757 voti) travolgendo la lista “Diritti, democrazia e libertà…

Caronte&Tourist,  dal 1° ottobre chiude la biglietteria nel porto di Villa San Giovanni
Attualità
257 views
Attualità
257 views

Caronte&Tourist,  dal 1° ottobre chiude la biglietteria nel porto di Villa San Giovanni

Francesca Meduri - 23 Settembre 2020

Da giovedì 1° ottobre 2020 chiude la biglietteria nel porto di Villa San Giovanni. Caronte & Tourist ne aveva da…