VILLA. Un’altra estate senza piano spiaggia: è corsa contro il tempo per sistemare 300 barche

15 Giugno 2020
887 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – Con delibera 67 del 4 giugno 2020 l’Amministrazione comunale ha inteso dare indirizzo all’ufficio tecnico per il rilascio di concessioni demaniali stagionali per aree di alaggio e varo e per campi boa stagionali, si tratta di «un’attività fortemente voluta dall’amministrazione tutta, dal sindaco facente funzioni Maria Grazia Richichi con il coordinamento dell’ammiraglio neo consigliere comunale Giuseppe Bellantone e dell’assessore Giovanni Imbesi». Alla presenza del consigliere comunale Cristian Aragona sono state sentite le associazioni di categoria, i comitati di quartiere ed i liberi cittadini dei singoli quartieri che vivono il mare della costa di Villa San Giovanni da sempre. L’emergenza Covid impone di dover trovare ampi spazi da destinare alla libera balneazione negli arenili comunali. È stata quindi concordata una strategia di regolamentazione relativa all’alaggio e al varo delle imbarcazioni presenti sugli arenili. Senza dover stravolgere il litorale che da sempre ha ospitato le imbarcazioni caratteristiche del luogo, sono state individuate, di concerto con le associazioni e con i comitati di quartiere cui va il ringraziamento dell’amministrazione per la condivisione del percorso, aree contingentate lungo tutto il litorale. Si tratta di circa 20 aree nei vari punti del litorale, nella consapevolezza che le barche fanno parte del paesaggio villese, si devono però regolamentare le varie zone e quindi distinguere bene le aree in cui, previo pagamento delle concessioni demaniali, si potranno allocare le imbarcazioni e le aree dove la cittadinanza potrà dedicarsi alla balneazione. Con il supporto delle associazioni è stato fatto un primo censimento delle imbarcazioni attualmente presenti sul litorale, che ha portato ad individuare un complessivo numero di circa 300 natanti. Importante il confronto continuo con la Capitaneria che l’Amministrazione intende ringraziare per la preziosa collaborazione. I proprietari delle imbarcazioni, che vorranno tenere i natanti nelle aree in concessione, dovranno comunicare i dati identificativi delle stesse imbarcazioni di modo che gli uffici potranno dotare ogni imbarcazione di un apposita targa con un codice identificativo univoco. Alla fine delle operazioni di regolamentazione, tutte le imbarcazione non identificate verranno rimosse dal litorale. Si conta di mettere a punto tutta l’operazione di identificazione e messa a disposizione delle aree entro la fine del mese di giugno, di modo che il cittadino villese ed i bagnanti che fruiscono della costa villese possano godere di spazi ampi e ben ordinati. «Le problematiche post fase 1 sono tante ma non ci si deve scoraggiare anzi bisogna affrontarle con positività e spirito di condivisione oggi più di prima con la consapevolezza che solo dalle grandi crisi possono venire fuori meravigliose opportunità per la il nostro territorio e per l’intera comunità», dichiara il sindaco ff Maria Grazia Richichi.

Potrebbe interessarti

Coronavirus a Reggio Calabria, il bollettino regionale: 131 nuovi positivi e 2 decessi
Uncategorized
81 views
Uncategorized
81 views

Coronavirus a Reggio Calabria, il bollettino regionale: 131 nuovi positivi e 2 decessi

Francesca Meduri - 25 Novembre 2020

In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 342.655 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 350.996 (allo stesso…

Piano di zona ambito Villa, il Terzo settore  rivendica partecipazione
Uncategorized
151 views
Uncategorized
151 views

Piano di zona ambito Villa, il Terzo settore rivendica partecipazione

Francesca Meduri - 25 Novembre 2020

Il Forum Territoriale del Terzo settore “Versante dello Stretto” scrive all’ufficio di Piano dell’Ambito territoriale 14 di Villa S. Giovanni, alla Conferenza…

Emergenza sanitaria ad Arghillà: il quartiere è sommerso dai rifiuti e i cittadini si rivolgono al premier Conte
Attualità
219 views
Attualità
219 views

Emergenza sanitaria ad Arghillà: il quartiere è sommerso dai rifiuti e i cittadini si rivolgono al premier Conte

Francesca Meduri - 25 Novembre 2020

«Nonostante l’ordine del Prefetto di 10 gg fa, le disposizioni del dirigente ambiente del comune di 7 gg fa, questo…