Progetto “Liberi di scegliere”, altri due minorenni strappati alla ‘ndrangheta

13 Giugno 2020
448 Views
Stampa

San Luca (Rc). L’azione, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria e dai Carabinieri, ha consentito al Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria di disporre provvedimenti a tutela di due minorenni di San Luca, rispettivamente di 12 e 15 anni, per offrire loro un progetto concreto di vita “in piena aderenza ai valori civici”, allontanandoli, così, da un “concreto pericolo di devianza”, dato dal contesto familiare e di gruppo in cui sono cresciuti. È questo, in sintesi, un risultato concreto del progetto “Liberi di Scegliere”, Accordo Quadro siglato nel luglio 2017 dal Ministero della Giustizia, il Ministero dell’Interno, la Regione Calabria, Uffici Giudiziari minorili calabresi e rinnovato nel novembre 2019 con l’intervento della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità, del MIUR, della CEI, della Direzione Nazionale Antimafia e della rete di associazioni “Libera“.

Tutto ha avuto inizio nel febbraio scorso, quando i Carabinieri di San Luca, nel corso di una normale pattuglia in paese, si sono accorti che in via Aurelia un palo dell’illuminazione pubblica era stato danneggiato tramite alcuni paletti in legno, sradicati da una aiuola poco distante. I militari dell’Arma hanno così deciso di approfondire la questione e, anche grazie alla visione dei filmati di alcune telecamere presenti in zona, sono arrivati a identificare i responsabili: due minorenni, di cui uno tra altro non imputabile penalmente perché infraquattordicenne. Del fatto i militari hanno informato la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, rappresentando nel dettaglio il contesto delle famiglie d’origine dei due minori: due ambienti difficili, contigui alla criminalità organizzata ‘ndranghetista. Due ambienti, dicevamo, dove i genitori e i parenti hanno numerose pendenze penali e di polizia anche gravi, dal sequestro di persona a scopo di estorsione, all’associazione di tipo mafioso, all’associazione finalizzata al narcotraffico. Elementi questi, che hanno indotto il Tribunale a ritenere che il futuro dei due minori fosse potenzialmente a rischio, e con concrete possibilità di finire nella rete mortifera della criminalità organizzata. È scattato, dunque, un provvedimento a tutela dei due interessati. Un provvedimento che, limitando la responsabilità genitoriale, affida i minorenni ai servizi sociali, nomina loro un curatore speciale, e li avvia ad un programma specifico, con il supporto del servizio sanitario territorialmente competente e di una rete operativa di strutture ed enti, tra cui l’associazione “Libera”, con compiti di assistenza, anche psicologica, lontano dai condizionamenti del contesto di provenienza.

Non è la prima volta che i Carabinieri operano nel solco del protocollo “Liberi di scegliere”. Quello odierno è solo l’ultimo dei provvedimenti in materia: nel recente passato l’Arma reggina si è mossa in più occasioni a tutela dei minori, collaborando con il Tribunale di Reggio Calabria e con le associazioni di settore per favorirne e incentivarne il recupero.

L’azione di contrasto alla criminalità organizzata, da parte dell’Arma dei Carabinieri, continua senza sosta e senza quartiere. E in tutta la Calabria – in particolar modo nei piccoli centri dell’Aspromonte, a volte tristemente noti alle cronache per le forti ingerenze della ‘Ndrangheta – il contrasto passa anche dalla capacità di costruire, insieme a tutte le pubbliche istituzioni, concrete alternative di vita per i più giovani, nella speranza di un futuro migliore e libero dalle mafie.

Potrebbe interessarti

VILLA. Poliambulatorio Asp, integrazione di 6 ore per fisiatria. La rete civica: «Importante conquista»
sanità
193 views
sanità
193 views

VILLA. Poliambulatorio Asp, integrazione di 6 ore per fisiatria. La rete civica: «Importante conquista»

Francesca Meduri - 8 Marzo 2021

La Rete "Salviamo il Poliambulatorio di Villa San Giovanni" interviene sulla integrazione di 6 ore della specialistica di fisiatria  del Poliambulatorio…

SANT’ALESSIO. Festa della donna nel segno di Angela, sfortunata ragazza nigeriana vittima di violenze e uccisa dal cancro
Uncategorized
920 views
Uncategorized
920 views

SANT’ALESSIO. Festa della donna nel segno di Angela, sfortunata ragazza nigeriana vittima di violenze e uccisa dal cancro

Francesca Meduri - 8 Marzo 2021

Angela è una ragazza nigeriana poco più che ventenne che dopo aver oltrepassato il deserto a soli 19 anni ha…

Falcomatà: “Serve piano vaccinale chiaro che stabilisca ordine di priorità”
Comunicati stampa
88 views
Comunicati stampa
88 views

Falcomatà: “Serve piano vaccinale chiaro che stabilisca ordine di priorità”

Francesca Meduri - 8 Marzo 2021

Il sindaco metropolitano Falcomatà alla manifestazione di Piazza del Popolo: "Serve piano vaccinale chiaro che stabilisca ordine di priorità" "Serve…