VILLA SAN GIOVANNI. Scuola “Don Milani”, Nuvola Rossa al fianco dei manifestanti

21 Febbraio 2018
765 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – Di seguito il comunicato del Csc Nuvola Rossa: Il Nuvola Rossa ha convintamente partecipato alla manifestazione di ieri, 20 febbraio, indetta da genitori, rappresentati di classe e insegnanti dell’istituto ‘Don Milani’ di Pezzo (Villa San Giovanni).

Da tempo ormai seguiamo attentamente le criticità in cui versa l’edilizia scolastica del nostro territorio, criticità che attentano alla piena realizzazione dell’universale diritto allo studio. Pensiamo ad esempio allo scellerato tentativo di accorpare la scuola materna di Ferrito al plesso di Campo di Calabro. Tale scelta, compiuta dall’amministrazione della città metropolitana di Reggio Calabria appare del tutto inspiegabile e priva di buon senso, dato che comporterebbe solo disagi ai bambini e ai loro genitori.

O ancora, pensiamo all’annosa vicenda della struttura dell’I.S.S. ‘Nostro-Repaci’, in parte inagibile e non idonea allo svolgimento di attività scolastiche, con conseguente dislocamento di parte  degli alunni presso una struttura privata, il che non comporta solo il pagamento del canone di affitto ma soprattutto l’impossibilità per gli studenti di seguire un corretto piano di istruzione a causa della carenza dei laboratori e di una strumentazione didattica adeguata.  

Ma ripercorriamo per sommi capi la ‘storia infinita’ del ‘Don Milani’. I lavori, avviati nell’agosto del 2015, non hanno mai visto la fine per via di un’estenuante diatriba tra l’amministrazione e la ditta appaltatrice. Un lungo tira e molla in cui a rimetterci sono stati solo i giovani scolari. Pare che solo pochi giorni fa sia stata paventata una soluzione al problema, con una delibera da parte dell’amministrazione ove si indica un nuovo concordato con la ditta appaltatrice. Tuttavia, il concordato prevede il pagamento di una penale da parte della stessa ditta appaltatrice. Ciò ci appare quanto meno grottesco a fronte del grave danno subito dall’istituto, che in questi anni tormentati ha visto ridursi il numero di iscritti tanto da non riuscire ad avere la quota di studenti necessaria alla composizione della prima classe.

Ecco perché ieri, 20 febbraio, siamo stati al fianco dei manifestanti, esasperati dall’incapacità della classe dirigente di trovare una soluzione adeguata al problema, in un corteo i cui protagonisti sono stati i bambini e che si è snodato per le vie della città, dall’ istituto di Pezzo fino al palazzo municipale di Villa San Giovanni, tra slogan, fischietti e tanto rumore.

Al termine del corteo i rappresentati dell’amministrazione hanno garantito il loro impegno per la risoluzione della vicenda, dando appuntamento al prossimo martedì,  27 febbraio, per comunicare la data certa della conclusione dei lavori, ad oggi stimata in 120 giorni a partire dal collaudo degli isolatori sismici.

Continueremo a seguire gli sviluppi della situazione, al fianco di insegnanti, genitori e studenti, e vigileremo affinché le promesse si traducano in fatti e azioni politiche concrete. 

Potrebbe interessarti

650 controlli e una persona indagata: bilancio Polfer nella settimana di Ferragosto
Comunicati stampa
82 views
Comunicati stampa
82 views

650 controlli e una persona indagata: bilancio Polfer nella settimana di Ferragosto

Francesca Meduri - 17 Agosto 2019

650 persone identificate, 1 denunciato in stato di libertà, 6 le sanzioni amministrative elevate, di cui 1 in materia di…

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate
Eventi
72 views
Eventi
72 views

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate

Francesca Meduri - 16 Agosto 2019

Doppio appuntamento per il 17 Agosto: alle 18 inaugurazione Mostra “Aspromonte identità e colori”, alle 21 concerto dell’Orchestra Giovanile di…

Potere al Popolo esprime indignazione sui fatti di San Ferdinando
Attualità
86 views
Attualità
86 views

Potere al Popolo esprime indignazione sui fatti di San Ferdinando

Francesca Meduri - 16 Agosto 2019

Non è accettabile che il grado di allarme sociale e pubblica indignazione sia direttamente proporzionale al colore della pelle dei…