BAGNARA. A Ceramida, fontanina Ottinà, acqua non potabile: valori fuori norma causano chiusura pozzo

21 Settembre 2015
744 Views
Stampa

Fontana - acqua

BAGNARA CALABRA – «Valori superiori ai limiti previsti dalla norma». Questa la motivazione del nuovo stop all’utilizzo di acqua potabile a Bagnara Calabra, precisamente nella frazione di Ceramida. Una nuova ordinanza firmata dalla triade commissariale (Contarino-Turco-Cacciola), dopo quella dello scorso luglio successivamente revocata. Per fortuna, stavolta, il problema non interessa tutto il territorio comunale, ma solo Ceramida. In particolare, il provvedimento dei commissari dichiara la non potabilità dell’acqua della fontanina Ottinà e la chiusura dello stesso pozzo Ottinà. Ad allertare Contarino, Turco e Cacciola è stata la nota della società Sigra srl incaricata dei controlli interni eseguiti ai sensi dell’art. 7 del D.L. n. 31/2001: «Il punto di prelievo fontanina Ottinà presenta valori superiori ai limiti previsti dalla norma». Quindi l’immediata risposta dei commissari che, «nelle more di effettuare le misure correttive già attivate, per motivi di igiene, sanità e sicurezza pubblica», hanno ritenuto necessario «vietare l’utilizzo, ai fini potabili, dell’acqua destinata al consumo umano». Un provvedimento contingibile ed urgente a salvaguardia della igiene pubblica, in attesa che la situazione rientri nella normalità. Ma a cosa è dovuta l’alterazione dei valori? La risposta a questa domanda per adesso non c’è, di certo il Comune si è prontamente adoperato per risolvere il problema e tutelare la salute pubblica. Nello specifico, sono due le disposizioni che si leggono nell’ordinanza: «Chiusura del Pozzo Ottinà al fine di effettuare le misure correttive per tutto il periodo necessario per il compimento delle operazioni»; e contestuale «divieto di utilizzo ai fini potabili e alimentari dell’acqua prelevata dal sollevamento idrico denominato “Pozzo Ottinà”, frazione Ceramida fino al ripristino dei valori nei limiti stabiliti dalla norma». Responsabile del procedimento è l’ingegnere Maria Letizia Panella, nella qualità di responsabile del unità tecnica comunale. Dell’ordinanza sono stati ovviamente informati l’Asp di Villa S. Giovanni (Unità Operativa Igiene Alimenti Settore Acque Potabili), l’Arpacal, e i carabinieri e i vigili urbani di Bagnara Calabra. f.m.

Potrebbe interessarti

Gambarie innevata: il programma delle iniziative per il weekend
svago
85 views
svago
85 views

Gambarie innevata: il programma delle iniziative per il weekend

Francesca Meduri - 28 Gennaio 2023

La neve imbianca Gambarie ed il sindaco Francesco Malara, con la sua Amministrazione Comunale di Santo Stefano in Aspromonte, non…

Strage di gatti a San Roberto: decine di felini avvelenati in strada
Amici a 4 zampe
88 views
Amici a 4 zampe
88 views

Strage di gatti a San Roberto: decine di felini avvelenati in strada

Francesca Meduri - 28 Gennaio 2023

SAN ROBERTO - Strage di gatti a San Roberto. Solo nella frazione Samperi, in via Osanna, ne sono stati rinvenuti…

‘Ndrangheta a Scilla, effetti inchiesta “Nuova Linea”: interdittive, revoche e ricorsi
Attualità
382 views
Attualità
382 views

‘Ndrangheta a Scilla, effetti inchiesta “Nuova Linea”: interdittive, revoche e ricorsi

Francesca Meduri - 27 Gennaio 2023

SCILLA - Pioggia di interdittive antimafia e revoche di permessi sul settore imprenditoriale scillese, che alla Prefettura e al Comune…