Villa San Giovanni. Erosione costiera, Gioè attacca: «Paradossale preoccupazione improvvisa»

28 Aprile 2018
1183 Views

Stampa
 

VILLA SAN GIOVANNI – Di seguito il comunicato stampa di Milena Gioè, consigliere comunale M5S:

Ha del paradossale questo stato di preoccupazione che sorge improvvisamente sulla tematica dell’erosione costiera villese.

Tra i punti all’ordine del giorno del Consiglio comunale del 30 aprile 2018, la maggioranza inserisce la richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza e calamità naturale su tutto il litorale di Villa San Giovanni.

Da anni, il nostro territorio è interessato da tale fenomeno e quando noi del meetup 5 stelle, chiedevamo risposte sulle azioni intraprese a difesa del tratto di litorale, arrivavano rassicurazioni da parte dell’ex sindaco Messina.

In particolare, il nostro deputato Paolo Parentela con nota del 30/03/2016 (Nota Parentela erosione costiera), invitava l’amministrazione a fornire chiarimenti in merito al “modus operandi” comunale in relazione ai lavori di ricostruzione e protezione del litorale da Porticello a Punta Pezzo, nonché sul ritardo degli stessi.

All’ente era stato assegnato un finanziamento da parte della Provincia, per fronteggiare tale emergenza, dell’importo di 1.500.000,00 euro e in seguito a gara di appalto, i lavori venivano aggiudicati per 887.110,40 euro.

Il 28 aprile, si dava risposta scritta alla richiesta del nostro deputato. Secondo l’ex sindaco, i lavori erano, nel marzo del 2016, giunti quasi al termine (96%), occorreva soltanto riempiere l’invaso con pochi metri cubi di materiale sabbioso (Nota Messina erosione costiera).

Ci domandiamo adesso come siano stati eseguiti tali interventi visto che, ad oggi, a distanza di breve tempo, la stessa compagine politica chiede ancora risorse economiche per risolvere l’annosa questione.

Forse occorrevano degli studi più approfonditi per affrontare la problematica, accorgendosi, sin da subito, dell’inadeguatezza delle soluzioni apprestate con soldi pubblici che, in alcuni casi, hanno anche aggravato lo stato di fatto creando un danno ambientale per la flora e la fauna esistente, a causa della natura della sabbia utilizzata, proveniente da un cantiere autostradale.

Ricordiamo così che le somme stanziate sul nostro territorio, mal gestite, non hanno lasciato alcun beneficio per gli abitanti che continuano a vivere quotidianamente la minaccia dell’erosione costiera, rischiando danni alle abitazioni e alla vita stessa.

Potrebbe interessarti

Scilla in cammino verso la festa di San Rocco
celebrazioni
194 views
celebrazioni
194 views

Scilla in cammino verso la festa di San Rocco

Francesca Meduri - 7 Luglio 2020

La prima domenica di luglio è data cara agli abitanti di Scilla, poiché inaugura le Sette Domeniche di preparazione alla…

Nuovi bandi GalBatir: risorse per area dello Stretto, Costa Viola e Piana di Gioia Tauro
Attualità
127 views
Attualità
127 views

Nuovi bandi GalBatir: risorse per area dello Stretto, Costa Viola e Piana di Gioia Tauro

Francesca Meduri - 7 Luglio 2020

Area dello Stretto, Costa Viola e Piana di Gioia Tauro-Rosarno sono le zone in cui le imprese agricole e non…

Reggio C. Festa della Madonna senza processione
celebrazioni
72 views
celebrazioni
72 views

Reggio C. Festa della Madonna senza processione

Francesca Meduri - 7 Luglio 2020

Si è svolta questa mattina in Prefettura, alla presenza del Prefetto, dell’Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria, del Questore e dei…