VILLA SAN GIOVANNI. Edilizia, oneri più salati per settore già in ginocchio. L’ira del Pd

20 Aprile 2018
1315 Views
Stampa

di FRANCESCA MEDURI

VILLA SAN GIOVANNI – Un ulteriore colpo all’edilizia, settore letteralmente in ginocchio, è costituito dall’aumento degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. Se su alcune leggi si sorvola da anni (basti pensare alla mancata applicazione delle normative in materia di Peba, randagismo e via dicendo), l’attenzione continua a essere massima su tutto ciò che consente – almeno sulla carta – di fare cassa. È il caso, appunto, dell’incremento degli oneri di urbanizzazione, sancito dal Consiglio comunale dopo la deliberazione del commissario prefettizio n.14 del 31 gennaio scorso con la quale è stata approvata la proposta allo stesso Consiglio comunale di provvedere all’adeguamento delle tariffe vigenti del costo base di costruzione e degli oneri di urbanizzazione. L’aggiornamento è stato effettuato sulla base delle tabelle parametriche pubblicate dall’Istat, perché così possono fare autonomamente i Comuni in assenza – ed è il caso in questione – dell’aggiornamento delle tabelle base da parte della Regione. Gli aumenti vanno oltre il 27%. Esempio: l’importo del costo di costruzione pari a 196,45 euro è diventato di 251,07; l’importo degli oneri di urbanizzazione primaria pari a 1,01 euro è salito a 1,29; l’importo degli oneri di urbanizzazione secondaria pari a 0,83 ammonta oggi a 1,06.

I nuovi importi, che verranno applicati alle istanze presentate al Comune a far data dal 1° gennaio 2018, hanno suscitato la reazione indignata del Partito democratico. Inutile, dunque, la richiesta avanzata da Antonio Salvatore Ciccone e Lina Vilardi agli altri componenti della massima assise cittadina: «Forse dovremmo fare tutti un bagno di umiltà e cominciare – prima di decidere, di deliberare, di tassare e imporre – a toccare con mano, vivere da vicino l’impatto che la crisi economica ha avuto per le nostre imprese, per il lavoro, per le famiglie del nostro territorio». E ancora: «Prima di ragionare di aumenti degli oneri di urbanizzazione – hanno aggiunto i consiglieri del Pd – dovremmo tutti interrogarci su che fine abbia fatto il Piano regolatore e sul senso di un intervento – quello dell’aumento degli oneri – che si qualifica solo come tentativo di fare cassa… ma a danno di chi?».

Nulla si fa a sostegno di un settore cruciale piegato dalla crisi, se non scoraggiarlo con oneri più salati. «Dobbiamo riconoscerlo: storicamente la sola grande attività imprenditoriale diffusa nella nostra città era rappresentata dall’edilizia ed oggi, purtroppo, le imprese (erano decine!) sono ridotte a poche sparute unità e il settore soffre una crisi occupazionale senza precedenti», ha osservato il Pd per poi rincarare la dose: «E per tutta risposta si procede con un aumento spropositato ed indiscriminato degli oneri (circa il 30%!) con un ritorno economico che sarà probabilmente irrilevante per le casse dell’ente… anche perché – occorre dirlo  con forza – se il settore muore, il 30% di zero sempre zero è!».

 

 

Potrebbe interessarti

VILLA. La “rivoluzione gentile” del Pd: «Etica e competenza insieme»
Comunicati stampa
88 views
Comunicati stampa
88 views

VILLA. La “rivoluzione gentile” del Pd: «Etica e competenza insieme»

Francesca Meduri - 27 Ottobre 2020

  BUON SENSO, CONCRETEZZA, MERITO E IDEALI PER VILLA. UN APPELLO ALL’INCONTRO E AL CONFRONTO La "rivoluzione gentile" di cui…

Coronavirus a Villa San Giovanni, verso la chiusura delle zone a rischio assembramenti
Attualità
1150 views
Attualità
1150 views

Coronavirus a Villa San Giovanni, verso la chiusura delle zone a rischio assembramenti

Francesca Meduri - 25 Ottobre 2020

VILLA SAN GIOVANNI - «Due nuovi casi ed uno in attesa di conferma. Un caso è riconducibile alla clinica Nova…

Campo Calabro. Nessun nuovo positivo tra impiegati e amministratori
Uncategorized
322 views
Uncategorized
322 views

Campo Calabro. Nessun nuovo positivo tra impiegati e amministratori

Consolata Maesano - 25 Ottobre 2020

CAMPO CALABRO - In questa piovosa domenica mattina la comunità del paesino che fa da balcone in riva allo Stretto…