VILLA SAN GIOVANNI. La Costituzione Italiana all’Alberghiero

15 Aprile 2018
1095 Views
Stampa

ALL’ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO DI VILLA SAN GIOVANNI GLI INSIGNITI DI ONORIFICENZE HANNO DISCUSSO CON ESPERTI E CON GLI ALLIEVI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA 

di DOMENICO CRIMI

Il saluto iniziale ai rappresentanti della Guardia di Finanza presenti, a quelli dei Tribunali, agli allievi, ai docenti ed ospiti è stato rivolto dalla dirigente scolastica dell’Istituto Professionale Alberghiero di Villa San Giovanni,  professoressa Ciappina, che ha evidenziato come non vi possa essere una società civile senza una Costituzione liberale democratica, che con i suoi principi tuteli la società, i diritti all’istruzione dei ragazzi, i valori della libertà e della vita civile. Gli allievi dell’Istituto, che hanno studiato la Costituzione Italiana con l’ausilio del professore Messina, hanno avuto nei giorni scorsi anche un incontro col professore Salazar. Dopo il saluto della dirigente scolastica si è passato alla esecuzione degli Inni ed il presidente degli insigniti delle onorificenze cavalleresche, dottore Ottavio Sinicropi, ha dato la parola al magistrato dottoressa Karin Catalano. Il magistrato, rivolgendosi agli allievi ha sottolineato come  la scuola si proponga di stimolare fra gli allievi un serio interesse sulla importante tematica dei diritti sanciti dalla Costituzione Italiana. I giudici sono tenuti a rispettare la Costituzione, ma anche i parlamentari e tutti gli altri soggetti istituzionali. “Le regole sancite 70 anni fa sono fondamentali per la nostra vita sociale”. Le regole in essa contenute sono dirompenti, tenuto conto del fatto che prima di allora i cittadini erano tutti sudditi. Oggi hanno tutti gli stessi diritti, hanno libertà di esprimersi, di corrispondere, di scegliersi una religione, diritti che prima erano negati. La Costituzione Italiana è un testo di legge composto di soli 139 articoli, approvato dall’Assemblea costituente il 22. 12. 1947 e promulgata dal capo dello stato provvisorio Enrico De Nicola, il successivo 27 ed è entrata in vigore  l’uno gennaio 1948. Essa sancisce con la definizione fondamentale che “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”. Gli articoli affrontano tutti gli aspetti della vita civile. Vi è nella Costituzione l’idea del bene comune, del rispetto e della promozione sociale. La seconda relatrice della giornata, la dottoressa De Blasio, evidenzia che la Costituzione è frutto di lotte dei nostri padri. Alla prima elezione furono soltanto 21 le donne elette, oggi il numero è più elevato, anche se esse non raggiungono un numero pari  a quello degli uomini. Le donne elette provenivano dalla lotta partigiana, dall’azione cattolica e da altre associazioni. La Costituzione che ripudia la guerra fu scritta da 70 persone fra cui 5 donne. Tante erano le disparità uomo- donna, che sono state successivamente superate con lunghe lotte. Nella  Costituzione importante è stato l’accesso delle donne a tutte le professioni. Alla fine del seguito intervento delle due relatrici vi è stato l’intervento della scrittrice professoressa De Angelis e di alcuni studenti. Le relatrici alla fine hanno ancora sottolineato la necessità di chi amministra la legge di essere imparziale e di non favorire nessuno.

Potrebbe interessarti

Il contest fotografico “Scatti di valore” fa tappa anche a Villa San Giovanni
arte
87 views
arte
87 views

Il contest fotografico “Scatti di valore” fa tappa anche a Villa San Giovanni

Francesca Meduri - 3 Luglio 2020

Si concluderà lunedì 6 luglio la nona edizione del contest fotografico Scatti di Valore, in una simbolica staffetta attraverso le tre scuole i cui…

Cenide, chiesto il processo per 34 (anche per Siclari). Udienza preliminare il 17 luglio
Cronaca
916 views
Cronaca
916 views

Cenide, chiesto il processo per 34 (anche per Siclari). Udienza preliminare il 17 luglio

Francesca Meduri - 3 Luglio 2020

VILLA SAN GIOVANNI – Con decreto del giudice Antonino Foti è stata fissata  per il prossimo 17 luglio alle ore 9.30,…

Fiumara, l’amministrazione avvisa il consigliere fantasma e i morosi dell’acqua
Attualità
373 views
Attualità
373 views

Fiumara, l’amministrazione avvisa il consigliere fantasma e i morosi dell’acqua

Francesca Meduri - 1 Luglio 2020

FIUMARA – Temi di importantissima rilevanza per la vita gestionale dell’ente sono stati trattati durante il consiglio comunale dello scorso…