SCILLA. Consiglio sciolto per mafia, Santacroce stronca Ciccone: «Ora i fatti motivano il silenzio dell’opposizione»

22 Marzo 2018
1918 Views
Stampa

SCILLA – Lo scioglimento del consiglio comunale per ingerenze della criminalità organizzata restituisce la parola alla politica locale. Come si ricorderà, infatti, erano state tante bocche cucite a dominare all’indomani dell’arrivo della commissione d’accesso nelle stanze di palazzo San Rocco. Giusto qualche timida dichiarazione di circostanza, ma nulla di più. Fino a oggi, appunto. A spezzare il silenzio è il consigliere di minoranza uscente Francesco Santacroce, capogruppo di “Progetto Scilla” ed ex candidato a sindaco dell’omonima lista. «Che tristezza aver letto “Scilla, Consiglio Comunale, sciolto per mafia!”… rimarrà come onta indelebile per le future generazioni! Che vergogna!», esordisce Santacroce. Che subito aggiunge: «Questo è il pensiero delle persone perbene che a caldo hanno appreso e commentato la notizia». E poi continua con una frecciata all’amministrazione uscente, guidata dall’ormai ex sindaco Pasqualino Ciccone: «Gli altri potranno ancora, senza vergogna, proclamare: “Scilla è cambiata”?», domanda Santacroce con un tono di ammonimento che non passa di certo inosservato. L’ex aspirante sindaco, inoltre, non si sottrae dallo spiegare la linea tenuta dalla minoranza nel periodo di lavoro della commissione d’accesso: «Ora i fatti motivano il silenzio dell’opposizione che ha scelto di attendere con fiducia l’esito delle indagini», rimarca Francesco Santacroce. Che, comunque, ritiene che non tutto sia perso per Scilla e gli scillesi. Da un brutto capitolo si può voltare pagina per continuare a scrivere una storia a lieto fine. È ciò che si augura Santacroce a conclusione della breve nota divulgata stamattina: «Facciamo che questa triste pagina della storia scillese sia ora da stimolo per le generazioni future affinché affrontino la vita con coraggio e perseveranza nella legalità. Così Scilla potrà davvero cambiare». Perseveranza nella legalità, detto e auspicato da chi in questi anni è stato vittima di una serie di atti vandalici e intimidatori di inaudita violenza. Insomma, Santacroce è fermamente convinto che la legalità sia l’unico strumento utile alla crescita e al cambiamento di Scilla.

f.m.

Potrebbe interessarti

Tennis, allo Sport Village di Catona dal 12 marzo il memorial Ciprioti
Eventi
29 views
Eventi
29 views

Tennis, allo Sport Village di Catona dal 12 marzo il memorial Ciprioti

Francesca Meduri - 20 Febbraio 2020

Si aprirà il 12 marzo il “Città di Catona - Memorial Alfonso Ciprioti”. Il torneo nazionale di tennis di terza categoria maschile…

REGGIO C. Analisi del sangue in via Willermin? Solo per i primi 60 fortunati!
Attualità
55 views
Attualità
55 views

REGGIO C. Analisi del sangue in via Willermin? Solo per i primi 60 fortunati!

Francesca Meduri - 20 Febbraio 2020

Uscire prima dell’alba per un prelievo di sangue? A Reggio Calabria ci si affida alla speranza (e no, non il…

VILLA. Impianto sportivo di Cannitello, l’avv. del Comune: «Perseguita la strada della legalità»
Attualità
102 views
Attualità
102 views

VILLA. Impianto sportivo di Cannitello, l’avv. del Comune: «Perseguita la strada della legalità»

Francesca Meduri - 20 Febbraio 2020

VILLA SAN GIOVANNI - Dopo diverse settimane arriva la replica del Comune alle denunce pubbliche dei vertici dell'Asd Sporting Club…