‘Ndrangheta, carabinieri scoprono due bunker nel Reggino

8 Marzo 2018
963 Views
Stampa

Continuano i servizi di contrasto alla criminalità organizzata disposti dal Comando Provinciale di Reggio Calabria ed effettuati su tutto il territorio sia tirrenico che ionico, che hanno come scopo principale quello di contrastare l’operatività dei centri decisionali ‘ndrangheta, di precludere la costituzione di nuovi gruppi delinquenziali e di rendere più difficoltosa la scelta – da parte di alcuni soggetti – di sottrarsi alla giustizia, ostentando la latitanza anche per affermare e continuare ad esercitare il proprio potere mafioso.

In particolare, negli ultimi giorni i Carabinieri della Locride e dello Squadrone Carabinieri “Cacciatori” hanno passato al setaccio centri abitati e campagne con perquisizioni e rastrellamenti nelle zone impervie pre-aspromontane per controllare casolari e anfratti naturali.

In tale contesto, nel centro abitato di Locri (RC), i Carabinieri della locale Stazione e dei Cacciatori di Calabria, nel corso di una perquisizione domiciliare, nella cucina a piano terra dell’abitazione di un 60enne, hanno rivenuto un locale tipo bunker, non utilizzato, di 1,80 metri di lunghezza, 1,80 metri di larghezza e 2,10 metri di altezza. L’accesso al suo interno era abilmente occultato da un grosso blocco di cemento, scorrevole su dei binari in ferro il cui meccanismo era azionabile elettricamente dall’interno della casa. Il bunker era ben mimetizzato negli ambienti dell’abitazione, sotto il camino. L’abitazione è sita non lontana dai luoghi di Locri che – a cavallo tra gli anni settanta e gli anni duemila – ha mietuto decine e decine di vittime, insanguinando le vie cittadine.

Nei vicoli di Ciminà(RC), invece, i Carabinieri hanno ritrovato un vero e proprio labirinto sotterraneo con almeno due bunker collegati fra di loro da un cunicolo. L’accesso al loro interno era stato abilmente occultato da un muro in pietra, dietro al quale era stato collocato un blocco di cemento armato che si apriva scorrendo verso l’interno su dei binari in ferro.

Potrebbe interessarti

VILLA. Due pazienti e un dipendente positivi alla “Nova Salus”. La direzione della clinica rassicura
Attualità
295 views
Attualità
295 views

VILLA. Due pazienti e un dipendente positivi alla “Nova Salus”. La direzione della clinica rassicura

Francesca Meduri - 21 Ottobre 2020

L'amministrazione giudiziaria e la direzione sanitaria del centro di riabilitazione "Nova Salus", sito in Cannitello di Villa San Giovanni, comunica…

Villa, confermati i due casi Covid alla “Nova Salus”. I due anziani ricoverati al Gom
Attualità
458 views
Attualità
458 views

Villa, confermati i due casi Covid alla “Nova Salus”. I due anziani ricoverati al Gom

Francesca Meduri - 21 Ottobre 2020

VILLA SAN GIOVANNI - «Altri due casi accertati. Si tratta di due pazienti che erano ricoverati nella clinica Nova Salus,…

Campo Calabro: primo caso di covid
Uncategorized
552 views
Uncategorized
552 views

Campo Calabro: primo caso di covid

Consolata Maesano - 20 Ottobre 2020

CAMPO CALABRO - Il covid giunge anche nel paese che fa dal balcone in riva allo Stretto. Ne ha appena…