Villa, esperti a confronto sulla mobilità nello Stretto: «Serve una governance unica»

29 luglio 2013
104 Views
Stampa

VILLA SAN GIOVANNI – «Una governance unica per i trasporti sullo Stretto». Unanime la necessità emersa nel corso del 27^ appuntamento di Tabularasa 2013, andato in scena sabato sera a Villa in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

Non poteva esserci location più adatta per discutere dell’attualissima, e sentitissima, questione della mobilità nello Stretto di Messina. Anche se non è mancato un dibattito più generalizzato sull’intero sistema trasportistico calabrese, generatore di continui malcontenti tra gli utenti. E causa determinante, sicuramente, dei problemi di crescita e sviluppo del territorio.

Sollecitati dalla domande del direttore e dell’editore di Strill Giusva Branca e Raffaele Mortelliti, si sono confrontati sull’importante tematica il sindaco Rocco La Valle, il dirigente regionale Giovanni Laganà, l’amministratore unico di Atam Vincenzo Filardo, Corrado Savasta dell’Autorità Portuale di Messina, il professore Francesco Russo e, infine, a sorpresa, l’assessore regionale ai Trasporti Luigi Fedele.

Il discorso iniziale di La Valle sulla provvisorietà del servizio Metromare ha dato subito l’idea delle difficoltà che la Calabria incontra per vedersi riconosciuti servizi che, altrove, sono scontati. Proprio per questo, secondo Laganà, «bisogna coinvolgere tutti gli enti che  attraverso i loro bracci operativi individuino un accordo che possa davvero creare un bacino unico». Sulla stessa scia Filardo: «Le due sponde sembrano vicine, ma costi e inefficienze le rendono lontanissime. Il Ponte sullo Stretto non avrebbe risolto nulla.  Da tempo lavoriamo alla costituzione di un consorzio pubblico e privato che possa funzionare sulla  stessa lunghezza d’onda di quanto avviene nella laguna di Venezia o nell’arcipelago napoletano». E sulla governance unica concorda anche Savasta, precisando tuttavia che «devono essere vinte le resistenze di natura campanilista».

Sulle scelte politiche, invece, si abbatte la mannaia di Russo, ingegnere trasportista: «Calabria e Sicilia sono al collasso, perderanno rispettivamente mezzo milione e un milione di abitanti nei prossimi quattro-cinque lustri. Catanzaro e Palermo non si parlano, ma soprattutto non reputano centrale il problema dei trasporti nell’area dello Stretto».

A concludere la serata l’assessore Fedele, che annuncia per settembre un tavolo tecnico ministeriale sul servizio veloce di attraversamento dello Stretto e avvisa Fs: «Se un vettore privato dovesse garantirci un miglioramento del servizio ferroviario siamo pronti a fare scelte che possano essere diverse da Rfi».

Francesca Meduri

 

Potrebbe interessarti

VILLA SAN GIOVANNI. Nuovo ricorso contro Siclari, Idv: «Chi ha paura del rispetto delle regole?»
Attualità
274 views
Attualità
274 views

VILLA SAN GIOVANNI. Nuovo ricorso contro Siclari, Idv: «Chi ha paura del rispetto delle regole?»

Francesca Meduri - 25 aprile 2018

IDV: «CHI HA PAURA DEL RISPETTO DELLE REGOLE?» Villa San Giovanni - Di seguito il comunicato stampa di Idv-Villa San…

VILLA. Tentato omicidio davanti alla scuola, la ricostruzione completa dei fatti e tutti i ragazzi coinvolti
Comunicati stampa
1739 views
Comunicati stampa
1739 views

VILLA. Tentato omicidio davanti alla scuola, la ricostruzione completa dei fatti e tutti i ragazzi coinvolti

Francesca Meduri - 24 aprile 2018

Di seguito il comunicato dei Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria: Nelle prime ore del 24 aprile 2018, i…

VILLA. Ragazzo accoltellato, fermato studente albanese di 20 anni. Denunciati altri giovani
Cronaca
1550 views
Cronaca
1550 views

VILLA. Ragazzo accoltellato, fermato studente albanese di 20 anni. Denunciati altri giovani

Francesca Meduri - 24 aprile 2018

Villa San Giovanni -C'è un provvedimento di fermo di indiziato di delitto per l'accoltellamento di G.N., avvenuto ieri mattina a…