Il Comune di Calanna in campo per il recupero dei condannati per reati minori

14 luglio 2013
135 Views
Stampa

municipio di Calannasindaco Domenico RomeoCALANNA – Recuperare socialmente i condannati per reati minori impiegandoli in lavori di pubblica utilità. E’ l’intento base della convenzione sottoscritta tra il Tribunale di Reggio Calabria e il Comune di Calanna, fin qui l’unico della provincia reggina a raccogliere quella che può certamente dirsi una sfida di civiltà e umanità.

Alla fine di un iter durato oltre tre mesi e che ha visto diversi incontri tra il magistrato Olga Tarzia e il sindaco Domenico Romeo, questi ha siglato l’accordo col presidente del Tribunale reggino Luciano Gerardis.

La convenzione prevede che il Comune di Calanna «accolga un numero massimo di dieci condannati per reati minori per lo svolgimento, in forma assolutamente gratuita, di lavori di pubblica utilità nelle seguenti attività definite di concerto tra i due enti: manutenzione beni del patrimonio comunale; manutenzione e cura impianti sportivi; manutenzione e cura aree verdi».

A spiegare la valenza dell’iniziativa è il primo cittadino calannese. «E’ molto importante – sottolinea Domenico Romeo – che tutte le istituzioni collaborino alla diffusione delle pene alternative perché è ormai dimostrato che il carcere, soprattutto con riferimento alle pene brevi e alle persone che non sono delinquenti abituali, non ha una adeguata funzione di rieducazione ma rischia di essere controproducente, così come è necessario combattere il drammatico fenomeno del sovraffollamento carcerario riservando la detenzione alle persone realmente pericolose. Invece, con il sistema del lavoro di pubblica utilità, consistente nella prestazione di attività non retribuita in favore della collettività, chi ha sbagliato – aggiunge il sindaco – può indennizzare la comunità con il proprio lavoro ristabilendo un clima di corretta lealtà sociale. Si tratta quindi di una convenzione che ha un duplice valore, cioè quello di dare alla pena non solo una funzione espiatoria ma anche di recupero sociale e di utilità per la comunità. Il Comune ne troverà giovamento perché ci sono tanti piccoli interventi che magari rimangono indietro per problemi legati alla carenza di risorse umane ed economiche. Sono convinto che tutti, sia le persone condannate sia i servizi comunali, sapranno sfruttare al meglio questa opportunità dall’alto valore civico.  Spero, infine, che quanto fatto dal Comune di Calanna – auspica Romeo – possa essere da esempio per gli altri Comuni della Provincia considerato che ad oggi l’unica convenzione attivata dal Tribunale di Reggio è proprio quella sottoscritta con il nostro ente che già, proprio per il fatto di essere l’unico, ha avuto numerosi contatti da parte di avvocati reggini ed ha avviato proprio nella scorsa settimana  un lavoratore del capoluogo nelle attività ed a breve,  dopo l’emissione del decreto da parte del giudice, ne avvierà – conclude Romeo – un secondo sempre residente nel comune di Reggio avendo già dato la disponibilità all’istanza del  difensore di un altro imputato».

 fra.me.

Potrebbe interessarti

VILLA SAN GIOVANNI. Nuovo ricorso contro Siclari, Idv: «Chi ha paura del rispetto delle regole?»
Attualità
270 views
Attualità
270 views

VILLA SAN GIOVANNI. Nuovo ricorso contro Siclari, Idv: «Chi ha paura del rispetto delle regole?»

Francesca Meduri - 25 aprile 2018

IDV: «CHI HA PAURA DEL RISPETTO DELLE REGOLE?» Villa San Giovanni - Di seguito il comunicato stampa di Idv-Villa San…

VILLA. Tentato omicidio davanti alla scuola, la ricostruzione completa dei fatti e tutti i ragazzi coinvolti
Comunicati stampa
1738 views
Comunicati stampa
1738 views

VILLA. Tentato omicidio davanti alla scuola, la ricostruzione completa dei fatti e tutti i ragazzi coinvolti

Francesca Meduri - 24 aprile 2018

Di seguito il comunicato dei Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria: Nelle prime ore del 24 aprile 2018, i…

VILLA. Ragazzo accoltellato, fermato studente albanese di 20 anni. Denunciati altri giovani
Cronaca
1550 views
Cronaca
1550 views

VILLA. Ragazzo accoltellato, fermato studente albanese di 20 anni. Denunciati altri giovani

Francesca Meduri - 24 aprile 2018

Villa San Giovanni -C'è un provvedimento di fermo di indiziato di delitto per l'accoltellamento di G.N., avvenuto ieri mattina a…